Chiesa di Sant'Antonio in Campo Marzio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 41°54′06.52″N 12°28′28.04″E / 41.901811°N 12.474456°E41.901811; 12.474456

Chiesa di Sant'Antonio in Campo Marzio
Facciata
Facciata
Stato Italia Italia
Regione Lazio Lazio
Località Roma-Stemma.png Roma
Religione Chiesa cattolica di rito romano
Diocesi Diocesi di Roma
Stile architettonico barocco
Inizio costruzione 1445
Completamento 1695
L'interno

La chiesa di Sant'Antonio in Campo Marzio, anche conosciuta come chiesa di Sant'Antonio dei Portoghesi, è un luogo di culto cattolico del centro storico di Roma.

Situata nel cuore del rione Campo Marzio, vicino all'antica osteria dell'Orso, è la chiesa nazionale della comunità portoghese a Roma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu fondata nel 1445 dal cardinale Antonio Martínez de Chaves sul luogo di un ospizio per i pellegrini portoghesi, poi ampliata nel 1695.

Si presenta dalla stretta visuale di via della Scrofa con la ricca e monumentale facciata barocca di Martino Longhi il Giovane (1638). Molto ornato è anche l'interno, che riesce a dare un'impressione di ricchezza e sfarzo nonostante le piccole dimensioni. Al suo interno conserva una tavola a fondo oro di Antoniazzo Romano[1], le tele del pittore pergolese Antonio Concioli Adorazione dei Magi, Natività e Riposo durante la fuga in Egitto (entrambe datate 1782) e il Monumento De Souza di Antonio Canova (1808). Il transetto fu decorato da Luigi Vanvitelli.

Nel 1742 Nicola Salvi montò provvisoriamente all'interno della chiesa i "pezzi" della cappella di S. Giovanni Battista, un'opera sfolgorante di oro e marmi preziosi, vero gioiello tardobarocco, eseguita da un équipe di artisti su disegno suo e dell'amico Luigi Vanvitelli. La cappella fu poi benedetta da papa Benedetto XIV e inviata a Lisbona via nave.

Nel 2008 viene installato il grandioso organo Mascioni, dotato di 4 tastiere e 47 registri.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Proprio davanti al dipinto ddi Antoniazzo Romano, nella chiesa di Sant'Antonio dei Portoghesi, si svolge una scena del romanzo La Serpe e il Mirto (1978) di Stefano Valente.