Chiesa di Sant'Andrea al Quirinale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 41°54′02″N 12°29′22″E / 41.900556°N 12.489444°E41.900556; 12.489444

Chiesa di Sant'Andrea al Quirinale
Facciata
Facciata
Stato Italia Italia
Regione Lazio Lazio
Località Roma-Stemma.pngRoma
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Titolare Andrea apostolo
Diocesi Diocesi di Roma
Stile architettonico barocco
Inizio costruzione 1658
Completamento 1678

La chiesa di Sant'Andrea al Quirinale è un luogo di culto cattolico di Roma, situato nel rione Monti, prospiciente la facciata della Manica Lunga del palazzo del Quirinale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Particolare della cupola

Sede del noviziato della Compagnia di Gesù e situata di fronte alla manica lunga del Palazzo del Quirinale, la piccola chiesa fu costruita tra il 1658 e il 1678 su progetto di Gian Lorenzo Bernini, grazie alla commissione del papa Alessandro VII e del cardinale Camillo Pamphili, nipote di papa Innocenzo X. Essa venne eretta in corrispondenza di un'analoga chiesa sempre intitolata a S. Andrea a Montecavallo e già chiesa del noviziato dei Gesuiti nel corso della seconda metà del Cinquecento, che era stata edificata su indicazione del Preposito generale Francesco Borgia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

La facciata si apre su un piccolo sagrato dilatato da due ali concave, che ampliano illusionisticamente lo spazio sul modello del colonnato della basilica di San Pietro in Vaticano, anch'esso del Bernini. Completano la facciata una gradinata semicircolare ed un portico monumentale, con lo stemma dei Pamphili (realizzato da allievi) retto da colonne ioniche, che copre la finestra della facciata.

La pianta, centralizzata, è ovale[1], con l'asse maggiore trasversale; le minuscole dimensioni sono così dilatate in un ampio respiro. Le due absidi laterali non sono occupate da cappelle ma da elementi di sostegno, così da spingere lo sguardo direttamente sull'altare maggiore, costituito da una cappella in cui la pala d'altare è illuminata da una fonte di luce nascosta, secondo un espediente mutuato dalla scenografia teatrale che Gian Lorenzo Bernini aveva già utilizzato altre volte, ad esempio nella cappella Cornaro a Santa Maria della Vittoria. Le due ali del sagrato nel progetto di Bernini si protendevano maggiormente verso il palazzo del Quirinale, dando quell'effetto barocco, già sperimentato con il colonnato di piazza San Pietro, dell'abbraccio di santa madre Chiesa alla cristianità.

Il successivo ampliamento della strada ha comportato la riduzione di tali ali, che oggi appaiono arretrate rispetto alla scalinata, facendo perdere così al progetto l'originaria funzione. La piccola cupola è decorata da cassettoni dorati e le pareti sono ricoperte da preziosi marmi mischi. Oltre alla pala dell'altare maggiore, di Guillaume Courtois si segnalano tre tele di Baciccio e, nelle stanze annesse alla chiesa, attigue all'attuale comunità dei padri gesuiti, la statua di San Stanislao Kostka morente, di Pierre Legros.

Poco distante, sempre sulla via del Quirinale, è possibile ammirare uno dei capolavori del rivale di Bernini, la piccola chiesa di San Carlo alle Quattro Fontane di Francesco Borromini, avendo la possibilità di mettere così a confronto la diversa soluzione di un analogo tema da parte di due geni tanto diversi del barocco italiano.

All'interno della chiesa è inumato il Re di Sardegna Carlo Emanuele IV.

Organo a canne[modifica | modifica wikitesto]

Nella piccola cantoria alla destra dell'ingresso principale, si trova l'organo a canne Mascioni Opus 515 costruito per la chiesa nel 1938[2]. Lo strumento, ha due tastiere di 58 note ciascuna e pedaliera di 30, è a trasmissione elettrica ed ha la seguente disposizione fonica:

Prima tastiera - Grand'Organo
Principale 8'
Flauto Armonico 8'
Salicionale 8'
Ottava 4'
Ripieno 3 file
Seconda tastiera - Espressivo
Bordone 8'
Gamba 8'
Flauto 4'
Coro Viole 3 file
Nazardo 2.2/3'
Tromba armonica 8'
Voce corale 8'
Tremolo
Pedale
Subbasso 16'
Bordone 8'
Unioni e accoppiamenti
Unione I 8' P
Unione II 8' P
Unione I 4' P
Unione II 4' P
Unione II 8' I
Unione II 4' I
Unione II 16' I
Unione II 4' II

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Julia Smyth-Pinney , The geometries of S. Andrea al Quirinale in "The Journal of the Society of Architectural Historian", vol. 48 n° 1- marzo 1989, pagg. 53-65.
  2. ^ G. Fronzuto, Organi di Roma. Guida pratica orientativa agli organi storici e moderni, Leo S. Olschki Editore, Firenze 2007, pp. 22-23. ISBN 978-88-222-5674-4

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]