Chiesa di Sant'Andrea (Orvieto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 42°43′05.44″N 12°06′31.38″E / 42.718177°N 12.108717°E42.718177; 12.108717

Sant'Andrea
Vista esterna della Chiesa di Sant'Andrea con il campanile dodecagonale addossato al Palazzo comunale
Vista esterna della Chiesa di Sant'Andrea con il campanile dodecagonale addossato al Palazzo comunale
Stato Italia Italia
Regione Umbria
Località Orvieto
Religione cattolica
Titolare Andrea apostolo
Diocesi Orvieto-Todi
Inizio costruzione XII secolo
Interno della chiesa

La chiesa di Sant'Andrea (e Bartolomeo) è sita ad Orvieto, in provincia di Terni.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu restaurata dall'ingegnere Gustavo Giovannoni nel 1926 insieme alla torre dodecagonale. Con questo restauro furono inseriti nella facciata delle opere moderne, come gli altorilievi nella lunetta del portale, la vetrata del rosone e le maioliche e terrecotte del portico nuovo, ma questo restauro cancellò completamente le modifiche apportate nel '200-'300 e nel '500.[1]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa ha una struttura a croce romana, articolata in tre navate con transetto e abside semicircolare. La copertura delle navate è a capriate lignee, mentre l'incrocio fra il corpo centrale e il transetto è coperto da volte a crociera sorrette da pilastri a fascio. I muri perimetrali sono realizzati in tufo, il pavimento in marmo. Appartiene alla chiesa la torre dodecagonale che è molto simile a quella presente nell'Abbazia di San Severo e Martirio.

All'interno vi sono un pulpito cosmatesco, un'edicola tombale, i resti di un corpus di affreschi che comprendono opere risalenti al ‘300, al '600, alla fine dell'800.

Nella cripta sono visibili resti delle precedenti fasi di utilizzo del complesso, che costituisce un luogo di culto già dal periodo villanoviano. Lo strato più notevole è quello superiore, in cui sono conservati estesi resti di mosaici pavimentali appartenenti al XII secolo[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Chiesa di Sant'Andrea e Bartolomeo in www.santandrea-orvieto.it. URL consultato il 13/12/2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]