Chiesa di San Pietro (Porto Venere)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 44°02′54.04″N 9°49′56.57″E / 44.048344°N 9.832381°E44.048344; 9.832381

Chiesa di San Pietro
Chiesa di San Pietro (Porto Venere)
Stato Italia Italia
Regione Liguria
Località Porto Venere
Religione Cattolica
Diocesi Diocesi della Spezia-Sarzana-Brugnato
Consacrazione 1198
Stile architettonico Gotico
Inizio costruzione V secolo
Completamento XIII secolo

La chiesa di San Pietro, è un edificio religioso sito in piazza Lazzaro Spallanzani a Porto Venere, nel golfo dei Poeti in provincia della Spezia.

Cenni storici e descrizione[modifica | modifica sorgente]

L'interno della chiesa

Il tempio venne consacrato ufficialmente nel 1198. La sua parte a fasce bianche e nere risale al XIII secolo (presumibilmente realizzata tra il 1256 e il 1277[1]), e venne restaurata tra il 1931 e il 1935. Questa parte è stata derivata da un corpo più antico, che consiste nella chiesa primitiva, mentre a sinistra il campanile è basato sulla cappella sinistra del presbiterio.

La chiesa originaria è un'opera di tipo siriaco del V secolo, con pianta rettangolare e abside semicircolare. Due archi a tutto sesto mettono in comunicazione questo spazio con la chiesa gotica. Quest'ultima a sua volta ha il tetto in legno strutturale ed il presbiterio è diviso in tre cappelle, coperto da volte ad ogiva ed a crociera, impostate su pilastri polistili.

Perse il titolo di parrocchiale sul finire del XIV secolo, in favore della chiesa di San Lorenzo[1], e officiata dal clero secolare fino al 1798[1].

La chiesa di San Pietro è il "cristiano tempio" citato da Eugenio Montale in una suggestiva poesia, dedicata a Porto Venere.

« Là fuoresce il tritone

dai flutti che lambiscono
le soglie d’un cristiano
tempio, ed ogni ora prossima
è antica. Ogni dubbiezza
si conduce per mano
come una fanciulletta amica.
Là non è chi si guardi
o stia di sé in ascolto.
Quivi sei alle origini
e decidere è stolto:
ripartirai più tardi per assumere un volto. »

(Portovenere, Eugenio Montale)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Fonte dal sito turistico della Provincia della Spezia. URL consultato il 17-10-2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]