Chiesa di San Paolo dentro le Mura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 41°54′03″N 12°29′39″E / 41.900833°N 12.494167°E41.900833; 12.494167

San Paolo dentro le Mura
Chiesa di San Paolo dentro le Mura
Stato Italia Italia
Regione Lazio Lazio
Località Roma-Stemma.png Roma
Religione Cristiana anglicana
Diocesi Convocazione delle Chiese episcopali in Europa (episcopale)
Stile architettonico Neoromanico e Neogotico
Inizio costruzione 1873
Completamento 1880
Sito web Sito ufficiale

La chiesa di San Paolo dentro le Mura (St. Paul Within the Walls) è una chiesa anglicana di Roma, nel rione Castro Pretorio, in via Nazionale. È una chiesa episcopale d’America, la prima non cattolica costruita a Roma dopo l’Unità d’Italia.

Fu il reverendo Robert J. Nevin che, dopo aver comprato il terreno ed ottenute dal Governo italiano le necessarie autorizzazioni, fece costruire l’edificio dall’architetto inglese George Edmond Street come luogo di culto della comunità episcopaliana americana che, fino a quel momento, soleva riunirsi nella sede della Legazione americana presso la corte pontificia.

La chiesa fu edificata dal 1873 al 1880 in stile romanico-gotico, caratterizzata esternamente da mattoni rossi che si alternano al travertino. Nella facciata si trova un rosone con simboli degli Evangelisti. L’interno si presenta a tre navate; vi spiccano in modo particolare le vetrate con storie della vita del santo, ed i mosaici dell’abside, realizzati su disegni di Edward Burne-Jones, che raffigurano scene tratte dall’Apocalisse dell’evangelista Giovanni.

Sempre nell’abside sono raffigurati, in mosaico, alcuni Padri della Chiesa; la cosa curiosa è che alcuni personaggi dell’Ottocento hanno prestato il volto per la loro realizzazione: così sant’Andrea ha il volto di Abramo Lincoln, san Giacomo quello di Giuseppe Garibaldi, san Patrizio quello del generale Grant, protagonista della Guerra di Secessione americana.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Claudio Rendina, Le Chiese di Roma, Newton & Compton Editori, Milano 2000, p. 87.
  • Mauro Quercioli, Rione XVIII Castro Pretorio, in AA.VV, I rioni di Roma, Newton & Compton Editori, Milano 2000, Vol. III, pp. 1064-1105.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]