Chiesa di San Giuseppe dei Falegnami

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Giuseppe dei Falegnami
Esterno
Esterno
Stato Italia Italia
Regione Lazio
Località Roma
Religione Cattolica
Titolare Giuseppe
Diocesi Diocesi di Roma
Inizio costruzione 1597
Completamento 1663

La chiesa di San Giuseppe dei Falegnami, è una chiesa di Roma, nel rione Campitelli, al clivo Argentario, presso il Foro Romano, e sopra il Carcere Mamertino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1540 la Congregazione dei Falegnami aveva preso in affitto la preesistente chiesa di San Pietro in Carcere sopra il Carcere Mamertino e nel 1597 fece iniziare i lavori della nuova chiesa, dedicata al loro patrono, San Giuseppe, a Giacomo della Porta. I lavori furono proseguiti nel 1602 sotto la direzione di Giovan Battista Montano che progettò la facciata ed alla sua morte (1621) dall'allievo Giovan Battista Soria. La chiesa fu completata nel 1663 da Antonio Del Grande. La chiesa venne restaurata nel 1886, con la costruzione di una nuova abside.

La facciata si trova rialzata rispetto al piano di calpestio a causa dei lavori eseguiti negli anni trenta del Novecento, che abbassarono la piazza antistante per permettere un accesso diretto al carcere sottostante.

L'interno è a navata unica con due cappelle per lato; la decorazione è frutto di lavori eseguiti nell'Ottocento. Tra le opere più notevoli da ricordare, una Natività di Carlo Maratta (1651).

Annessi alla chiesa vi sono un oratorio, con un bel soffitto ligneo, e la Cappella del Crocifisso, che risale al Cinquecento, e che è posta tra il pavimento della chiesa e la volta del sottostante Carcere Mamertino.

Su questa chiesa insiste la diaconia di San Giuseppe dei Falegnami, istituita il 18 febbraio 2012.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Testi online di dominio pubblico:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • C. Rendina, Le Chiese di Roma, Newton & Compton Editori, Milano 2000, p. 154
  • A. Manodori, Rione X Campitelli, in AA.VV, I rioni di Roma, Newton & Compton Editori, Milano 2000, Vol. II, pp. 618–725

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]