Chiesa di San Giovanni Calibita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Giovanni Calibita
Esterno
Esterno
Stato Italia Italia
Regione Lazio
Località Roma
Religione cattolica
Diocesi diocesi di Roma
Inizio costruzione 1584

La chiesa di San Giovanni Calibita è una chiesa di Roma del rione Ripa, sull'Isola Tiberina, annessa all'ospedale dei Fatebenefratelli.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa è ricordata nel XIV secolo col nome di Sancti Ioannis de insula, ed anche Sancti Ioannis Cantofiume, ma è di antichissime origini, sorta nell'area del tempio di Iuppiter Iurarius. Armellini riferisce che la chiesa «fu arsa dai soldati di Genserico e riedificata nel 464 da Pietro vescovo di Porto, sotto la cui giurisdizione era appunto l’isola Tiberina», ma questa informazione non è ritenuta sicura da Christian Hülsen. Il più antico riferimento certo alla chiesa si trova in una bolla di papa Benedetto VIII del 1018. Per secoli la chiesa con monastero annesso fu affidata alle monache benedettine. Inoltre nei secoli XI-XIII era residenza dei vescovi di Porto.

La chiesa attuale fu costruita alla fine del XVI secolo sulle rovine di quella antica, di cui non resta più nulla: fu in questa occasione che sotto l'altare maggiore si scoprirono i resti del corpo di san Giovanni Calibita, con le reliquie di altri santi portuensi. La chiesa venne poi rinnovata nel 1640, la facciata fu completata nel 1711 e gli interni nel 1742. Il ricco apparato decorativo interno è di Corrado Giaquinto.

Nella chiesa si conserva l'immagine della Madonna della lampada, risalente al XIII secolo. Una tradizione popolare racconta che quest'immagine, un tempo posta in riva al fiume con una lampada votiva accesa, nel 1557 venne sommersa da una esondazione del fiume; malgrado ciò la lampada continuò ad ardere, suscitando così lo stupore del popolo e la pubblica devozione.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]