Chiesa di San Basilio (Roma)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la chiesa di San Basilio nel rione Trevi, vedi Chiesa di San Basilio agli Orti Sallustiani.

Coordinate: 41°56′24.94″N 12°35′03.67″E / 41.94026°N 12.584354°E41.94026; 12.584354

Chiesa di San Basilio
Facciata
Facciata
Stato Italia Italia
Regione Lazio Lazio
Località Roma-Stemma.pngRoma
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Titolare Basilio Magno
Diocesi Diocesi di Roma
Consacrazione 22 dicembre 1963
Completamento XX secolo

La chiesa di San Basilio è un luogo di culto cattolico di Roma, sede dell'omonima parrocchia, nel quartiere San Basilio, in piazzale Recanati.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Essa fu costruita su progetto dell’architetto Augusto Baccin e consacrata dal cardinale Luigi Traglia il 22 dicembre 1963.

La chiesa è sede parrocchiale, istituita dal cardinale vicario Clemente Micara il 17 luglio 1954 con il decreto Cum sanctissimus. La chiesa è stata affidata al clero della diocesi di Bergamo fino all'agosto 2010. Dal primo settembre 2010 è tornata sotto la custodia della diocesi di Roma.

La chiesa fu visitata da papa Giovanni XXIII nel marzo 1963 e da papa Giovanni Paolo II l'11 marzo 1979.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa, cui si accede da una breve scalinata, è preceduta da un giardino, ove è posta una statua di Papa Giovanni XXIII, collocata nel 1986, opera di Stefano Locatelli (fratello dei pittori Romualdo e Raffaello Locatelli) in ricordo della visita che il pontefice fece alla parrocchia il 31 marzo 1963, quando l’edificio era ancora in costruzione: tale evento è menzionato anche da una lapide all'ingresso dell’edificio sacro.

La facciata, in mattoni rossi, è scandita da due fasce verticali che la slanciano verso l’alto. Sopra il portale d’ingresso in travertino è murato un mosaico riproducente il volto del teologo del IV secolo san Basilio Magno cui è dedicata la chiesa.

Al suo interno essa si presenta in forme molto semplici, con l’utilizzo alternato e sapiente di mattoni di argilla rossa e cemento. È ad un’unica navata con nicchie laterali e piccole finestre triangolari sulla parte alta delle pareti, da cui penetra una debole luce che crea un’atmosfera soffusa di raccoglimento, molto simile ad una chiesa romanica. Sul lato sinistro dell'aula liturgica è una icona di san Basilio affiancata da due statue devozionali di santi.

L'edificio fu costruito accanto ad una vecchia torre medievale, oggi inserita nell'annesso complesso parrocchiale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Claudio Rendina, Le Chiese di Roma, Roma, Newton & Compton Editori, 2000, p. 45, ISBN 978-88-541-1833-1.
  • Claudio Rendina, Quartiere XXX. San Basilio in I rioni e i quartieri di Roma, vol. 10, Roma, Newton & Compton Editori, 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]