Chiesa di Saint-Julien-le-Pauvre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa di San Giuliano il Povero
Église-Saint Julien-le-Pauvre
La facciata e il campanile incompiuto
La facciata e il campanile incompiuto
Stato Francia Francia
Regione Île-de-France
Località Parigi
Religione Cristiana cattolica di rito greco-melchita
Diocesi Ordinariato di Francia per i fedeli di rito orientale
Consacrazione 1889
Inizio costruzione 1170 (circa)
Completamento 1240
Logo monument historique - rouge ombré, encadré.svg

La chiesa di San Giuliano il Povero (in francese église Saint-Julien-le-Pauvre) è l'unico edificio religioso melkita di Parigi, situato nella rive gauche, nel Quartiere latino, non lontano dalla Senna e dalla cattedrale di Notre-Dame.

Il suo nome fa riferimento a san Giuliano l'ospitaliere detto, appunto, il povero.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Vi si trova, già nel IX secolo un cappella, ma l'attuale costruzione fu iniziata solo nel 1170 e terminata nel 1240. Si tratta quindi di una delle più antiche chiese di Parigi.[1]

Nel 1655 viene ceduta all'Hôtel-Dieu. Durante la Rivoluzione francese viene confiscata e adibita a deposito di sale (1790).

Nel 1826 viene riaperta al culto e, nel 1846, diventa monumento storico di Francia.

Fu consacrata al culto melkita nel 1889.[2] La bellissima iconostasi è del 1900.

La chiesa è monumento storico di Francia del 1846.[3]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Interno

L'esterno della chiesa è caratterizzato dalla facciata. Questa, a capanna, è preceduta da un sagrato delimitato da una cancellata; sulla sinistra, l'unica parte rimanente della torre campanaria incompiuta.[4] La parte inferiore del prospetto è decorata da un cornicione poco sporgente con triglifi, il quale è idealmente sorretto da lesene tuscaniche. Al di sopra del portale, vi è un targa realizzata durante la Terza Repubblica Francese con la storia della chiesa; più in alto, si apre il rosone circolare.

L'interno della chiesa è a tre navate. Quella centrale, incompiuta, del progetto originario mantiene soltanto l'ultima campata, con volta a crociera a sei vele e cleristorio formato da bifore; il resto dell'ambiente, invece, è illuminato da monofore con arco ribassato e coperto con una volta a botte ogivale costruita nel XVIII secolo in luogo di un soffitto ligneo. L'area del presbiterio occupa interamente l'abside poligonale, con due ordini sovrapposti di monofore gotiche, ed è delimitata dall'iconostasi lignea del 1900.[5]

Altre immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ J. Hillairet, p. 451.
  2. ^ Direction des parcs, jardins et espaces verts de Paris
  3. ^ Eglise Saint-Julien-le-Pauvre, culture.gouv.fr. URL consultato il 15 dicembre 2013.
  4. ^ A. Ayers, p. 103.
  5. ^ Paris, église Saint-Julien-le-Pauvre, - L'iconostase, patrimoine-historie.fr. URL consultato il 15 dicembre 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Jacques Hillairet, Dictionnaire historique des rues de Paris, Parigi, éditions de Minuit, 1985, ISBN 2-7073-1054-9.
  • (EN) Andrew Ayers, The Architecture of Paris, Stuttgart/London, Edition Axel Menges, 2004, ISBN 3-930698-96-X.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]