Chiesa della Natività di Nostro Signore Gesù Cristo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa della Natività di Nostro Signore Gesù Cristo
Esterno
Esterno
Stato Italia Italia
Regione Lazio Lazio
Località Roma-Stemma.png Roma
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Titolare Nascita di Gesù
Diocesi Diocesi di Roma
Architetto Tullio Rossi
Inizio costruzione 1936
Completamento 1936

La chiesa della Natività di Nostro Signore Gesù Cristo è un luogo di culto di Roma, nel quartiere Appio-Latino, in via Gallia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa, costruita su progetto di Tullio Rossi nel 1936, è stata eretta a parrocchia il 12 marzo 1937 con il decreto del cardinale vicario Francesco Marchetti Selvaggiani "Succrescente in dies", ed è sede del titolo cardinalizio “Natività di Nostro Signore Gesù Cristo a Via Gallia” istituito da papa Paolo VI nel 1969.

Negli anni '60 durante la ricorrenza del Corpus domini dalla chiesa partiva una processione che attraversava le vie del quartiere e (dopo aver transitato per via Britannia piena di bancarelle) terminava su piazza Armenia dove era stata realizzata un'infiorata che molti nel quartiere ancora ricordano,

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Arte e architettura[modifica | modifica wikitesto]

Nella facciata sono inseriti un rosone ed un portale centrale, sopra il quale, nella lunetta, vi è un bassorilievo con la rappresentazione dell’Annunciazione. Un’alta torre campanaria è posta sul lato sinistra della chiesa.

L’interno è a tre navate, suddivise da pilastri, con soffitto a capriate. Nella navata centrale è posta la vasca battesimale per il battesimo ad immersione: essa è a forma ottagonale; la copertura è composta da cinque pannelli con vetrate, che riproducono l’immagine della Madonna ed i simboli dei quattro evangelisti. Sui pilastri della navata centrale è la Via Crucis a mosaico. Il profondo presbiterio accoglie un altare di notevoli dimensioni e di forma quadrata; nell’abside un grande mosaico di Gilda Nagni raffigura la Natività di Gesù con la Sacra Famiglia. Il tabernacolo è opera di Goffredo Verginelli.

Le navate laterali terminano con piccole absidi. In quella di sinistra vi è un mosaico raffigurante il Cristo, mentre nella navata di destra un altro mosaico con la Pentecoste.

Organo a canne[modifica | modifica wikitesto]

Nella chiesa si trova l'organo a canne Mascioni opus 530. Costruito nel 1940, è stato restaurato nel 1983; in tale occasione, il sistema di trasmissione, elettrico, è stato revisionato e la consolle spostata dalla cantoria sopra l'ingresso alla sinistra del presbiterio. Lo strumento è collocato in due corpi sopra la cantoria in controfacciata ed ha due tastiere di 58 note ciascuna ed una pedaliera concavo-radiale di 30. La sua disposizione fonica è la seguente:

Prima tastiera - Grand'Organo
Principale 16'
Principale 8'
Flauto 8'
Dulciana 8'
Ottava 4'
Ripieno grave 3 file
Ripieno acuto 4 file
Tromba 8'
Seconda tastiera - Espressivo
Principalino 8'
Viola da gamba 8'
Bordone 8'
Flauto 4'
Flauto in XII 2.2/3'
Concerto viole 8'
Tremolo
Pedale
Principale 16'
Subbasso 16'
Basso 8'
Bordone 8'

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • C. Rendina, Le Chiese di Roma, Newton & Compton Editori, Milano 2000, p. 266
  • A. Manodopi, Quartiere IX. Appio Latino, in AA.VV, I quartieri di Roma, Newton & Compton Editori, Roma 2006
  • G. Fronzuto, Organi di Roma. Guida pratica orientativa agli organi storici e moderni, Leo S. Olschki Editore, Firenze 2007, pp. 335–336. ISBN 978-88-222-5674-4

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]