Chiesa dei Santi Pietro e Paolo (Lugaggia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa dei Santi Pietro e Paolo
La chiesa dei Santi Pietro e Paolo a Sureggio
La chiesa dei Santi Pietro e Paolo a Sureggio
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Ticino Ticino
Località Lugaggia
Religione Cattolica
Titolare Pietro apostolo e Paolo di Tarso
Diocesi Lugano
Stile architettonico romanico
Inizio costruzione IX secolo
Completamento secolo XVII

La chiesa dei Santi Pietro e Paolo[1] si trova a Sureggio, frazione dell'ex comune di Lugaggia. Una delle più antiche della Valle Capriasca, contiene affreschi in stile romanico[2] e risale al secolo X o al secolo XI.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Esterno[modifica | modifica sorgente]

Sorge al posto di una primitiva chiesa biabsidata del secolo IX o del secolo X, tipologicamente simile alla chiesa di San Martino di Mendrisio. A destra, accanto al portico del secolo XVII, è presente il campanile del secolo XI, a tre piani ritmati da specchiature definite a due o tre archetti pensili; il quarto piano e il tetto sono posteriori.

Interno[modifica | modifica sorgente]

La navata intonacata è conclusa dal coro rettangolare non intonacato aggiunto in epoca barocca, mentre il soffitto moderno a capriate scoperte è illuminato da quattro monofore. Nella navata ci sono affreschi romanici della fine del secolo XII, incorniciati da fregi a meandri e motivi ornamentali ondulati. Sulla parte settentrionale ci sono Le Tre Marie al sepolcro, la Crocifissione coi due ladroni , la Città fortificata di Milano, uno Struzzo e un'altra scena non più riconoscibile. Sulla parete meridionale la Presentazione al Tempio, la Fuga in Egitto e sotto la Madonna in trono del secolo XIII con due cani ai piedi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Chiesa dei Santi Pietro e Paolo - Inventario dei beni culturali
  2. ^ Romanico in Dizionario storico della Svizzera.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Johann Rudolf Rahn, I monumenti artistici del medio evo nel Cantone Ticino, Tipo-Litografia di C. Salvioni, Bellinzona 1894, 278-279.
  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 3391-392.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 292-293.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 378-379.