Chiesa dei Santi Marciano e Nicandro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa dei Santi Marciano e Nicandro
La chiesa dopo il terremoto del 2009
La chiesa dopo il terremoto del 2009
Stato Italia Italia
Regione Abruzzo Abruzzo
Località L'Aquila
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Diocesi Arcidiocesi dell'Aquila
Stile architettonico romanico, barocco
Inizio costruzione XIII secolo
Completamento XVIII secolo

La chiesa dei Santi Marciano e Nicandro è un edificio religioso dell'Aquila. Come la quasi totalità delle chiese aquilane deve la sua realizzazione agli abitanti di uno dei castelli vicini, in questo caso Roio[1], che contribuirono così alla fondazione della città nel XIII secolo. Per la sua importanza è stata elevata a chiesa capoquarto[2] del rione storico in cui è situata. È rimasta gravemente danneggiata dal terremoto del 2009 ed è attualmente inagibile.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La presenza di una chiesa dedicata ai santi Nicandro e Marciano viene fatta risalire all'epoca della prima fondazione dell'Aquila avvenuta nella prima metà del XIII secolo[3]. Dopo la distruzione della città ad opera di Manfredi nel 1259, l'edificio venne ricostruito a partire dal 1266 dagli abitanti di Roio all'interno del rione di San Giovanni[4].

A causa della progressiva perdita d'importanza della chiesa di San Giovanni del locale di Lucoli, nel 1276 venne elevata a capoquarto nell'ambito della nuova suddivisione promossa dal Capitano di Città Lucchesino di Firenze e costituì dunque un riferimento architettonico, logistico ed urbanistico per l'intera area[5] diventando una delle più importanti parrocchie aquilane per bellezze architettoniche e disponibilità finanziaria[6]. Nel XIV secolo venne ulteriormente abbellita dal rivestimento in conci, tipicamente aquilano, del prospetto principale; successivamente venne dotata di una torre campanaria a pianta quadrata, oggi scomparsa, e nel XVI secolo è descritta come una delle bellissime d'Aquila[7].

La chiesa venne poi praticamente rasa suolo dal terremoto del 1703, in seguito al quale venne riedificata in dimensioni minori, mutando lo stile dell'interno al barocco e lasciando l'esterno nelle forme romaniche originali, come successo per molte altre architetture aquilane. Il terremoto del 2009 ha nuovamente sfregiato l'edificio provocando gravi lesioni sulla facciata e sulle pareti laterali.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

La chiesa è situata in pieno centro storico, nel cuore del quarto di San Giovanni, a poca distanza dalla Piazza del Duomo, a capo dell'omonima piazza triangolare con fontanile.

La facciata, risalente al XIV secolo, è rivestita in pietra bianca e si presenta divisa orizzontalmente con cornice marcapiano, incanalata tra lesene e tripartita verticalmente nella parte inferiore. Il portale è caratterizzato da capitelli finemente lavorati con raffigurati gli evangelisti (a sinistra) e l'Adorazione dei Magi (sulla destra), sopra il quale si staglia un oculo al posto dell'originario rosone, sostituito in seguito al terremoto del 1915[8]. Degno di nota è anche il portale laterale con lunetta raffigurante la Madonna col Bambino, opera di Silvestro dell'Aquila.

L'impianto, ridotto drasticamente dopo il 1703, presenta una sala unica caratterizzata da quattro nicchie con relativi altari (in luogo delle diciassette edicole della chiesa seicententesca[9]), conclusa da una parete diaframma contenente l'altare maggiore che nasconde l'ampio transetto e l'abside tripartito preesistente. L'originale struttura duecentesca è ancora visibile esternamente nella parte absidale, nel presbiterio e nella canonica, situate alle spalle dell'altare maggiore[4].

All'interno sono osservabili affreschi del XIV e XV secolo e le statue di San Pietro e San Marciano opera di scultori locali della scuola di Pompeo Cesura. Il soffitto ligneo presenta inoltre un dipinto di Gaetano Sogliaceroni raffigurante la Madonna con i Santi Marciano e Nicandro.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Roio è oggi una delle frazioni della città
  2. ^ Le altre sono le chiese di San Pietro a Coppito, Santa Giusta a Bazzano e Santa Maria a Paganica
  3. ^ Orlando Antonini, op. cit., pag.135
  4. ^ a b Profilo storico e architettonico. URL consultato il 30-10-2010.
  5. ^ Orlando Antonini, op. cit., pag.136
  6. ^ Orlando Antonini, op. cit., pag.141
  7. ^ Orlando Antonini, op. cit., pag.137
  8. ^ Chiesa di San Marciano. URL consultato il 30-10-2010.
  9. ^ Orlando Antonini, op. cit., pag.142

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Orlando Antonini, Architettura religiosa aquilana, Todi (Pg), Tau Editrice, 2010;
  • Touring Club Italiano, L'Italia - Abruzzo e Molise, Milano, Touring Editore, 2005;

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]