Chiesa dei Santi Benedetto e Scolastica all'Argentina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa dei Santi Benedetto e Scolastica
Entrata della chiesa
Entrata della chiesa
Stato Italia Italia
Regione Lazio Lazio
Località Roma-Stemma.pngRoma
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Titolare Benedetto e Scolastica da Norcia
Diocesi Diocesi di Roma
Completamento 1625

La chiesa dei Santi Benedetto e Scolastica all'Argentina è un luogo di culto cattolico di Roma, nel rione Sant'Eustachio, in via di Torre Argentina.

Storia e tradizioni[modifica | modifica sorgente]

Essa è chiesa nazionale dei Nursini[1], che agli inizi del XVII secolo fondarono a Roma un'Arciconfraternita intitolata ai due santi fratelli nati a Norcia e costruirono un oratorio nel 1625: la confraternita fu approvata da Paolo V nel 1615 e da Gregorio XV nel 1623. Un membro della confraternita, Pier Matteo Lucarucci, morendo, lasciò alla stessa il proprio immobile (dove essa già si riuniva, al piano terreno), dando così la possibilità al sodalizio di allargare l’oratorio e trasformarlo in chiesa[2].

Essa è conosciuta anche con il nome di San Benedetto della ciambella; così l'Armellini spiega questo curioso nome:

« … il cardinale della Valle, incapricciandosi di cavar tesoro, fece cavare nelle terme di M. Agrippa nelle quali vi trovò una gran corona civica imperiale di metallo dorato, e perché avea simiglianza di certe ciambelle che a quel tempo si vedevano per Roma, quelli cavatori dissero: ecco una ciambella; e per avere la mancia corsero al cardinale dicendoli: havemo trovato una ciambella di bronzo, e di lì a poco venendoci ad abitare un oste fece per insegna la detta ciambella; ed in questo modo è stato sempre chiamato la ciambella »
(Armellini, op. cit., p. 457[3])

La chiesa fu spogliata della maggior parte delle sue ricche opere dai francesi nel 1798 e dalla Repubblica romana nel 1849 e per questo più volte restaurata dai Papi Pio IX e Leone XIII. Nella spoliazione effettuata dai francesi ne andò disperso anche l'archivio.

Arte[modifica | modifica sorgente]

La facciata ha un elegante portale con un tondo e la scritta: Divis Benedicto et Scholasticae patronis ordo et populus nursinus (La magistratura ed il popolo di Norcia ai santi patroni Benedetto e Scolastica). L’interno è ad unica navata, con finte colonne dipinte alle pareti, e la scritta Felix Nursiae tellus quae talem genuit alumnun (O fortunata terra di Norcia che ha generato un tale figlio); vi sono poi raffigurati dipinti e decorazioni ottocentesche dei papi restauratori.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Da Norcia venivano tradizionalmente, a Roma, i macellai di maiali (tanto che, per antonomasia, il pizzicagnolo veniva chiamato "norcino"). Questa attività ebbe carattere di migrazione stagionale legata alla macellazione annuale del maiale - da ottobre a marzo - fino alla diffusione generale dei frigoriferi industriali dopo gli anni cinquanta (il maiale infatti non veniva commerciato nella stagione calda, e chi scrive ricorda ancora una bottega, a Campo de' Fiori, dove d'inverno si vendeva maiale, e d'estate pantofole). Si veda, per documentazione, qui.
  2. ^ Nell'annuario delle chiese di Roma tenuto dalla Diocesi, la chiesa, ancor oggi annessa all'Arciconfraternita dei Santi Benedetto e Scolastica, è classificata tra le 60 "basiliche minori".
  3. ^ Ancor oggi la via vicina si chiama Via dell'Arco della Ciambella: l'arco era un residuo delle costruzioni delle Terme di Agrippa, e fu demolito nel 1621; la ciambella era di certo un'insegna di osteria o locanda, probabilmente precedente agli scavi citati. Scomparsi entrambi da qualche secolo, il nome è rimasto (si veda in Rendina-Paradisi, Le strade di Roma, 2003).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]