Chiesa cattolica in Siria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa cattolica in Siria
Emblem of the Holy See usual.svg
Anno 2005
Cristiani
Ichthus.svg
2 milioni
Cattolici 360.000
Popolazione 21,9 milioni
Nunzio apostolico Mario Zenari
Codice SY

La Chiesa cattolica in Siria è parte della Chiesa cattolica universale in comunione con il vescovo di Roma, il papa.

I cattolici sono circa 360.000, corrispondenti al 2% della popolazione[1]. I cattolici siriani appartengono a comunità cristiane di differenti tradizioni culturali e liturgiche, ciascuna con un rito e con giurisdizioni ecclesiatiche proprie.

Simbolo per eccellenza dell'intera religione cristiana in Siria è il villaggio di Ma'lula (a 45 km a nord di Damasco), dove ancora oggi si parla l'aramaico, idioma usato duemila anni fa in tutta l'area siro-palestinese, ritenuto la lingua madre di Gesù Cristo.

Esistono a Ma'lula due monasteri cattolici di rito bizantino, uno maschile e uno femminile: rispettivamente, San Sergio e Bacco e Santa Tecla (che ospita anche la tomba della santa).

Nel 2012 un gruppo di suore trappiste italiane ha fondato un monastero nel villaggio maronita di Azeir, nella Siria nord-occidentale. [2]

Organizzazione[modifica | modifica sorgente]

La chiesa cattolica in Siria è organizzata secondo l'appartenenza ecclesiale. Sono 18 le circoscrizioni ecclesiastiche cattoliche del Paese:

Nunziatura apostolica[modifica | modifica sorgente]

Una delegazione apostolica è esistita a Damasco fin dal XVIII secolo. Per lungo tempo hanno assunto questo incarico i vicari apostolici di Aleppo.

Le relazioni diplomatiche fra Santa Sede e Siria furono istituite ufficialmente il 21 febbraio 1953, quando fu eretta l'internunziatura con il breve Ubicumque gentium di papa Pio XII.

La nunziatura apostolica di Siria è stata istituita il 2 febbraio 1966 con il breve Quam sedem di papa Paolo VI.

Delegati apostolici[modifica | modifica sorgente]

  • Aloisio Gandolfi, C.M. † (11 agosto 1815 - 25 agosto 1825 deceduto)
  • Jean-Baptiste Auvergne † (marzo 1833 - 14 settembre 1836 deceduto)
  • Giuseppe Angelo di Fazio, O.F.M. Cap. † (15 dicembre 1837 - 13 dicembre 1838 deceduto)
  • Francisco Villardel, O.F.M. † (8 marzo 1839 - 19 giugno 1852 deceduto)
  • ...
  • Ludovico Piavi, O.F.M. † (13 novembre 1876 - 28 agosto 1889 nominato patriarca di Gerusalemme dei Latini)
  • Pietro Gonzalez Carlo Duval, O.P. † (25 febbraio 1896 - ?)
  • Frediano Giannini, O.F.M. † (16 gennaio 1905 - 1936 dimesso)
  • Rémy-Louis Leprêtre, O.F.M. † (18 marzo 1936 - 7 maggio 1947 dimesso)

Internunzi e nunzi apostolici[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Se si contano tutti i cristiani del Paese, si arriva alla più ragguardevole cifra di 2 milioni, più del 10% della popolazione siriana.
  2. ^ Azeir, le suore trappiste, segno di speranza nella Siria della guerra. URL consultato il 15/04/2014.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Fonti[modifica | modifica sorgente]