Chiesa cattolica in Nuova Zelanda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa cattolica in Nuova Zelanda
Emblem of the Holy See usual.svg
Sacred Heart Cathedral2.jpg
Anno 2005
Cattolici 500.000
Popolazione 3 milioni
Presidente della
Conferenza Episcopale
John Atcherley Dew
Nunzio apostolico Martin Krebs
Codice NZ

La Chiesa cattolica in Nuova Zelanda comprende circa 470.000 battezzati, il 12% della popolazione totale. Nelle sette diocesi del paese vi operano 530 preti e 1200 uomini e donne appartenenti a ordini religiosi.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Organizzazione ecclesiastica[modifica | modifica sorgente]

Tutta la Nuova Zelanda fa parte di un'unica provincia ecclesiastica, costituita da una arcidiocesi e da cinque diocesi suffraganee:

Le isole Cook e Niue, sotto sovranità neozelandese, costituiscono la diocesi di Rarotonga, suffraganea dell'arcidiocesi di Suva.

È presente anche un ordinariato militare in Nuova Zelanda.

Nunziatura apostolica[modifica | modifica sorgente]

Il 1º novembre 1968 è stata istituita la delegazione apostolica della Nuova Zelanda e dell'Oceano Pacifico con il breve Quo plus efficientiae di papa Paolo VI derivandone il territorio dalla precedente delegazione apostolica di Australia, Nuova Zelanda e Oceania.

La nunziatura apostolica della Nuova Zelanda è stata istituita il 20 giugno 1973 con il breve Qui in beatissimi dello stesso papa Paolo VI. Contestualmente il nunzio apostolico è stato nominato delegato apostolico dell'Oceano Pacifico.

A partire dagli inizi degli anni novanta del XX secolo la Santa Sede ha stabilito relazioni diplomatiche con tutte le repubbliche del Pacifico: di ognuna di esse è nunzio apostolico il nunzio della Nuova Zelanda.

Nunzi apostolici[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]