Chiara Passa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
"Speaking at the wall" Video installazione interattiva, Electrofringe - Festival di arte digitale, Newcastle, Australia

Chiara Passa (Roma, 30 aprile 1973) è un'artista italiana, attiva nell'arte digitale dal 1997.

Formazione e ricerca artistica[modifica | modifica wikitesto]

Chiara ha eseguito studi artistici, frequentando il Liceo Artistico di Salerno, poi l’Accademia di Belle Arti di Napoli, concludendo gli studi all'Accademia di Roma. Poi ha conseguito un Master in “Nuovi mezzi Audiovisivi”. Ha vissuto e lavorato a Lisbona e a Milano. Al momento vive e lavora a Roma. Tra i pionieri, in Italia, nell’impiego del digitale come strumento di creazione artistica[1], Chiara progetta le sue opere adoperando più mezzi: l’animazione e la video installazione interattiva al confine tra reale e virtuale, utilizzando forme geometriche essenziali che sfociano in una visione dinamica e tridimensionale dello spazio. Le installazioni coinvolgono in prima persona lo spettatore spingendolo a confrontarsi con un’altra spazialità, un altrove digitale. Un’idea di performance è alla base delle sue opere, dove il luogo è autonomo e si muove oltre la sua funzionalità. Tra le opere di arte digitale progettate per spazi pubblici, “Art calling-Digital art stories”, propone alla gente di ascoltare storie sull'arte digitale. Tra i progetti d’internet-art, "Ideasonair.net" è concepito come un’opera concettuale in evoluzione che evidenzia il concetto di opera d'arte aperta.

Principali attività espositive[modifica | modifica wikitesto]

Le sue opere sono state esposte internazionalmente[2]. Tra Festival e istituzioni, sono da ricordare:

  • "Morphos" at Vortex Dome - immersion media, Los Angeles (2014);[[3];
  • Fifth conference"Media Art Histories-RENEW", Riga (2013);[[4];
  • “Not Here Not There” LEA-Leonardo Electronic Almanac, MIT Press Journal. (2012)[5];
  • “ZKM AppArtAward”, ZKM|Zentrum für Kunst und Medientechnologie, Karlsruhe (2011)[6];
  • "Soft Borders Conference-upgrade International", São Paulo, a cura di Martha Gabriel. (2010)[7];
  • Festival A10 Medialab, Londra (2008);
  • ARTECH IV conferenza internazionale sull'arte digitale, Porto (Portogallo). (2008);
  • MAK Museum (Vienna 2007);
  • Milano in Digitale, Festival di Arte Elettronica, Fabbrica del Vapore, Milano (2007);
  • MAXXI - Museo nazionale delle_arti del XXI secolo, Roma (2006)[8];
  • CCCB – Centre de Cultura Contemporània de Barcelona, Barcellona (2006);
  • Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía, Madrid (2006);
  • BizArtCenter, Shangai (2005);
  • Centro per L'Arte Contemporanea Luigi Pecci, Prato (2005);
  • MACRO - Museo di Arte Contemporanea, Roma (2004);
  • PEAM - Pescara Electronic Artist’s Meeting, Pescara (2004);
  • L'Oading - mostra dei videogiochi modificati, Siracusa (2003)[9];
  • 11ª Biennale dei giovani artisti d'Europa e del Mediterraneo. “Cosmos – a sea of art”, Atene (2003);
  • VIPER - International Festival of Film, Video and new Media, Basilea (2003)[10];
  • “XIV Quadriennale” Anteprima. Palazzo Reale, Napoli (2003);
  • GAM - Galleria d’Arte Moderna Torino. Torino (2001);
  • GNAM - Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma (2001);
  • Bienal de Valencia, Valencia (2001);
  • 48ª Biennale di Venezia, Venezia (1999);
  • Fondazione Bevilacqua La Masa, Venezia (1999).

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Ha ricevuto diversi premi e riconoscimenti, tra cui:

  • "Premio econtentaward" per il miglior contenuto in formato digitale (Roma 2008)[11];

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Video esemplificativo da Interrupt.it
  2. ^ Dal sito Tknemedia.net
  3. ^ http://vorteximmersion.com/venues/vortex-dome-la/] Dal sito [vorteximmersion.com/venues/vortex-dome-la/]
  4. ^ http://www.mediaarthistory.org/] Dal sito [mediaarthistory.org/]
  5. ^ Dal sito http://www.leoalmanac.org/vol18-no6-not-here-not-there/
  6. ^ Dal sito http://en.app-art-award.org
  7. ^ Dal sito http://softborders.art.br/eng/
  8. ^ Dal sito Darc.beniculturali.it
  9. ^ Da La Repubblica 9 febbraio 2003
  10. ^ Dal sito Neural.it
  11. ^ Premio eContent Award Italy

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]