Chiamata senza risposta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiamata senza risposta
One Missed Call.jpg
Una scena del film.
Titolo originale One Missed Call
Paese di produzione USA, Giappone, Germania
Anno 2008
Durata 87 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere thriller, orrore
Regia Eric Valette
Soggetto romanzo di Yasushi Akimoto, screenplay di Minako Daira
Sceneggiatura Andrew Klavan
Produttore Broderick Johnson, Andrew A. Kosove, Scott Kroopf, Jennie Lew Tugend, Lauren C. Weissman
Casa di produzione Alcon Entertainment, Intermedia Films, Kadakowa Pictures, Kadokawa Pictures
Distribuzione (Italia) Warner Bros. Italia
Fotografia Glen MacPherson
Montaggio Steve Mirkovich
Musiche Reinhold Heil, Johnny Klimek
Scenografia Laurence Bennett
Costumi Sandra Hernandez
Trucco Char Coats, T.A. Henderson, Carlene Kearns, Randy Stodghill
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Episodi

Preceduto da The Call: Final (2006)

Chiamata senza risposta (One Missed Call) è un film del 2008 diretto da Eric Valette. È il remake del J-Horror di Takashi Miike The Call - Non rispondere (2004).

Il rilascio cinematografico è avvenuto il 4 gennaio 2008 negli USA e il 6 giugno dello stesso anno in Italia.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Beth Raymond vive nel terrore da quando quattro dei suoi amici sono morti in circostanze misteriose dopo aver ricevuto una chiamata dal futuro con registrate le loro ultime parole e la data e ora della loro morte. La chiamata proveniva, ogni volta, dal cellulare dell'amico morto precedentemente. La polizia vaga nel vuoto, credendo che le morti analoghe tra loro siano frutti di una psicosi collettiva. Non la pensa così l'investigatore Jack Andrews, il quale segue la strada del soprannaturale, e che ha perso la sorella in circostanze simili. Pare essere la prima ad essere stata vittima della maledizione, per cui il detective e Beth cercano di rintracciare il numero da cui ha ricevuto la chiamata maledetta. Le tracce portano a Marie Layton, la quale soffre della Sindrome di Polle e che tempo addietro abusò delle figlie Ellie e Laurel, causando la morte della prima per un attacco di asma, e l'affidamento ad una casa-famiglia della seconda. La protagonista crede che dietro gli omicidi e le misteriose chiamate ci sia la mano di Marie, infatti di recente l'ospedale St. Luke in cui era tenuta in cura è andato in fiamme. Beth e Jack si prestano a ricercare la sospettata, mentre la maledizione della telefonata incombe su Beth ma quando la trovano lei è in realtà già morta, ha uno "scontro" con Beth ma pare volerla risparmiare e la chiamata destinata alla protagonista si interrompe.

I due corrono da Laurel, per darle la notizia della morte della madre; e durante la visita in casa trovano del materiale che fa pensare che non sia stata la mamma ad abusare di lei, bensì la sorellina Ellie. Infatti Jack, trova un video nell'orsacchiotto di Laurel, in cui si vedono i momenti dell'inizio della maledizione, mentre Ellie abusa della sorella più piccola, la madre le divide e lascia Ellie chiusa da sola in camera, dove questa viene colpita da un attacco d'asma fulmineo e mentre cerca di chiamare aiuto col cellulare muore sul pavimento della camera, diventando la prima vittima delle chiamate.

È a questo punto, che il fantasma di Ellie si mostra ai presenti, uccidendo il detective e cercando di strangolare Beth; ma durante questi attimi di confusione appare il fantasma di Marie che porta via la figlia. Il film si conclude con Beth da sola, accanto al cadavere dell'amico detective, in casa, ormai in stato confusionale, che osserva sullo schermo del cellulare di Jack comporsi un nuovo numero, presagio che la maledizione non è stata fermata.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato annunciato nel 2005. Durante i primi mesi del 2006 la Warner Bros ha confermato Eric Valette come regista, iniziando lo stanziamento dei fondi.[1]

La pre-produzione è partita nel giugno 2006,[1] con Edward Burns, Margaret Cho, Shannyn Sossamon, Ed Harris e Gabriel Byrne assunti nel cast artistico.[2][3]

Le riprese sono iniziate il 17 luglio ad Atlanta (Georgia) e sono cessate a metà agosto.

Promozione e distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film era inizialmente programmato per una release cinematografico il 24 agosto 2007, data poi posticipata al 4 gennaio 2008.[4]

Il primo teaser trailer è stato presentato da Yahoo! Movies il 30 agosto 2007;[5] mentre i primi poster sono stati lanciati nel periodo di ottobre.[6] Il sito ufficiale è stato aperto nel dicembre 2007.

Il film è uscito negli Stati Uniti il 4 gennaio 2008 in 2.240 cinema, guadagnando circa 5.200.000 $ il primo giorno di programmazione.[7][8]

L'incasso finale è stato di 42.782.819 $, di cui 26.890.041 guadagnati negli USA[9]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Scheda su One Missed Call di Upcoming Horror Movies, Upcoming Horror Movies. URL consultato il 10-07-2008.
  2. ^ Margaret Cho in One Missed Call, Splatter Films. URL consultato il 10-07-2008.
  3. ^ Ed Harris e Gabriel Byrne nel cast, Counting Down. URL consultato il 10-07-2008.
  4. ^ Info disponibili qui; ultimo accesso il 11-07-2008.
  5. ^ Info disponibili qui; ultimo accesso il 11-07-2008.
  6. ^ Info disponibili qui; ultimo accesso il 11-07-2008.
  7. ^ Info disponibili qui; ultimo accesso il 11-07-2008.
  8. ^ Info disponibili qui; ultimo accesso il 11-07-2008.
  9. ^ Info disponibili qui; ultimo accesso il 11-07-2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema