Cheratosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Il termine cheratosi indica l'alterazione dell'epidermide, che, per via dell'inspessimento del tessuto, raggiunge un livello sopraelevato rispetto alla cute circostante, dal colorito bruno-grigiastro, dall'aspetto verrucoso; solitamente coperta da una grossa crosta grassa di facile asportazione.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La cheratosi si differenzia in congenite (dovute a ittiosi), e secondarie a micosi ed eczemi; accompagnano il processo di invecchiamento dell'organismo.

Le lesioni cheratosiche compaiono solitamente su volto, dorso e mani di individui anziani con cute seborroica, determinando la cheratosi seborroica. Da sottolineare, invece, anche l'alta percentuale di riscontro tra marinai e contadini che, per doveri professionali, sono soggetti a lungo all'azione radiativa del sole con conseguente cheratosi solare. A causa di una possibile degenerazione del fenomeno in corni cutanei o epiteliomi, la cheratosi dev'essere asportata chirurgicamente e seguita da un esame istologico per verificare lo stato del tessuto.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Medicina