Chen Yi (politico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Chen Yi

Chen Yi (cinese semplificato: 陈毅; cinese tradizionale: 陳毅; pinyin: Chén Yì; Lezhi, 26 agosto 1901Pechino, 6 giugno 1972) è stato un politico e militare cinese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Chen nacque a Lezhi, nei pressi di Chengdu (provincia di Sichuan), da una famiglia relativamente agiata.

Si iscrisse al Partito Comunista Cinese prima dello scoppio della Seconda guerra sino-giapponese (1937-1945) e qui conobbe Lin Biao, divenendone amico. Durante il conflitto, divenne comandante della Nuova Quarta Armata, comandata dai comunisti, quindi prese parte alla Guerra civile cinese quando questa ricominciò nell'agosto 1945. Inizialmente locato nello Shandong, fu poi protagonista della conquista della zona dello Chiang Jiang nel 1948-49.

Con la fondazione della Repubblica Popolare Cinese, divenne sindaco di Shanghai e, nel 1954, anche vice primo ministro (carica che terrà fino alla morte). Nel 1955 fu tra i veterani della guerra civile ad essere nominato maresciallo dell'Esercito Popolare di Liberazione.

Nel 1958, venne chiamato a Pechino, dove sostituì Zhou Enlai come ministro degli Esteri. Fra il 1961 e il 1969 fu anche presidente dell'Università cinese degli affari esteri. Allo scoppio della Rivoluzione Culturale, nel 1966, venne criticato dai settori più estremisti delle Guardie rosse, ma non fu sollevato dall'incarico.

Morì il 6 giugno del 1972.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Sindaco di Shanghai Successore
Nessuno 19491958 Ke Qingshi
Predecessore Segretario del Comitato di Shanghai del PCC Successore
Rao Shushi 19501954 Ke Qingshi
Predecessore Ministro degli Affari Esteri della Repubblica Popolare Cinese Successore
Zhou Enlai 19581972 Ji Pengfei

Controllo di autorità VIAF: 30378616 LCCN: n81012399