Chelidonichthys cuculus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Capone coccio
Aspitrigla cuculus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Infraclasse Teleostei
Ordine Scorpaeniformes
Sottordine Scorpaenoidei
Famiglia Triglidae
Genere Chelidonichthys
Specie C.cuculus
Nomenclatura binomiale
Chelidonichthys cuculus
Linnaeus, 1758
Sinonimi

Aspitrigla cuculus

Il Capone coccio (Chelidonichthys cuculus) è un pesce di mare appartenente alla Famiglia Triglidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Il suo areale comprende, oltre a Mediterraneo e mar Nero, l'Oceano Atlantico a nord fino a Danimarca e Svezia.

Vive su fondi sabbiosi fino a 300 metri di profondità ed in estate si avvicina molto alla riva.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'occhio è abbastanza grande (ma meno che in Trigla lyra) ed anche la testa è piuttosto massiccia con un corto rostro appiattito che rende il profilo della fronte concavo. Le pinne pettorali sono corte e di colore rossiccio. Sulla linea laterale sono presenti scudetti simili a quelli che ha il Sugarello.

La colorazione è sempre sul rossastro o arancio.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Carnivora.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Simili a quelle degli altri caponi.

Pesca[modifica | modifica wikitesto]

Con reti e lenze, sporadica. Le sue carni sono molto apprezzate per preparare zuppe.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Costa F. Atlante dei pesci dei mari italiani Mursia 1991 ISBN 88-425-1003-3
  • Louisy P., Trainito E. (a cura di) Guida all'identificazione dei pesci marini d'Europa e del Mediterraneo. Milano, Il Castello, 2006. ISBN 88-8039-472-X

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci