Cheliceroides

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cheliceroides
Immagine di Cheliceroides mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Sottordine Araneomorphae
Superfamiglia Salticoidea
Famiglia Salticidae
Sottofamiglia incertae sedis
Genere Cheliceroides
Zabka, 1985
Serie tipo
Cheliceroides longipalpis
Zabka, 1985
Specie

Cheliceroides Zabka, 1985 è un genere di ragni appartenente alla Famiglia Salticidae.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

L'esemplare maschio descritto dai coniugi Murphy era lungo circa 9 millimetri. I cheliceri sono molto lunghi e provvisti di escrescenze. Le zampe sono robuste, in particolar modo il primo paio. Il cefalotorace è marrone posteriormente, color castagna nella zona del pattern oculare. L'opistosoma ha un'ampia striscia marrone nel mezzo con cospicue macchie gialle. Anche le zampe sono di color marrone, ad eccezione di alcune parti delle due paia posteriori, che sono gialle o arancioni[1].

In seguito sono stati rinvenuti anche esemplari femminili[2].

Habitat[modifica | modifica sorgente]

La zona di rinvenimento è fra rocce calcaree della foresta pluviale del Vietnam[1].

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

L'unica specie oggi nota di questo genere è stata rinvenuta in Cina e Vietnam[3].

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Attualmente, a giugno 2011, si compone di 1 specie[3]:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Murphy & Murphy 2000: 291
  2. ^ Song, Zhu & Chen, 1999: 507
  3. ^ a b The world spider catalog, Salticidae
  4. ^ Specie tipo del genere.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Zabka, 1985 - Systematic and zoogeographic study on the family Salticidae (Araneae) from Viet-Nam. Annales Zoologici, Warszawa, vol.39, p. 197-485.
  • Song, Zhu & Chen, 1999 - The Spiders of China. Hebei Sci. Technol. Publ. House, Shijiazhuang, p. 1-640 (507)
  • Frances e John Murphy, An Introduction to the Spiders of South East Asia, Kuala Lumpur, Malaysian Nature Society, 2000.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi