Cheerleading

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Sport}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Un gruppo di cheerleader di una scuola superiore

Cheerleading è il termine che indica uno sport[1][2] che combina coreografie composte da elementi di ginnastica, danza e stunt, per concorrere a gare specifiche o eventualmente per incoraggiare sul campo di gioco le squadre durante competizioni sportive e partite. L'atleta che pratica il cheerleading a livello agonistico è detto cheerleader; l'atleta che esegue coreografie prima, durante e dopo le partite di altre squadre è detto dance breakets.

Con oltre 1 milione e mezzo di partecipanti (esclusi i milioni di atleti delle scuole e dei college), il cheerleading è, secondo la rivista Newsweek Arian Campo-Flores, uno degli sport più praticati negli Stati Uniti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Johnny Campbell, "inventore" del cheerleading.

Le prime manifestazioni di cheerleading cominciarono ad apparire spontaneamente negli Stati Uniti, negli ultimi periodi del 1880, quando durante alcune partite il pubblico cantava insieme per incitare le proprie squadre. Il primo caso di cui si hanno notizie risale al 1894 alla Princeton University.[3] Il 2 novembre 1898 viene segnalato come giorno della nascita del cheerleading organizzato, quando cioè lo studente Johnny Campbell diresse il tifo del pubblico. Poco dopo l'università del Minnesota organizzò una squadra di sei studenti maschi, che continuarono ad usare i cori di Campbell. Nel 1903 nacque la prima organizzazione di cheerleading "Gamma Sigma".[4] Il Cheerleading quindi nacque come attività prettamente maschile, ma dal 1923 nelle squadre di cheerleading cominciarono ad entrare anche le donne. Al giorno d'oggi si è calcolato che il 97% dei cheerleader siano di sesso femminile.[5]

Una cartolina del 1906, rappresentante una cheerleader della università di Cornell.

Nel 1948 nacque la National Cheerleaders Association (NCA), mentre dagli anni sessanta la National Football League (NFL) cominciò ad organizzare squadre di cheerleading organizzate, supportatrici "ufficiali" dei vari team. I Baltimore Colts (attualmente Indianapolis Colts) fu la prima squadra dell'NFL ad avere una propria squadra di cheerleader.[6] Da metà degli anni settanta l'immagine delle cheerleader (già in quegli anni diventate quasi esclusivamente donne) cambiò radicalmente, seguendo l'esempio lanciato dalla squadra di supporto dei Dallas Cowboys. Negli anni ottanta le uniformi delle cheerleader divennero estremamente più succinte ed alle coreografie, sempre più elaborate, si aggiunsero passi di ginnastica e acrobazie da stuntman.

Una piramide umana

La ESPN trasmise per la prima volta in tutto il mondo le competizioni nazionali di cheerleading studentesco nel 1983. Le organizzazioni di cheerleading come la American Association of Cheerleading Coaches and Advisors (AACCA) cominciarono a pretendere norme e standard di sicurezza per le cheerleader, per diminuire il numero di infortuni e prevenire la preparazione di coreografie eccessivamente pericolose, come ad esempio le celebri piramidi umane.[7] Nel 2003, è stato fondato il National Council for Spirit Safety and Education (NCSSE) per offrire agli atleti standard di allenamenti sicuri a cui gli allenatori si devono attenere.

Attualmente, il cheerleading è associato principalmente al football americano ed al basket, mentre sport come il calcio, l'hockey su ghiaccio, il baseball o il wrestling soltanto occasionalmente sponsorizzano squadre di cheerleading. L'ICC Twenty20 Cricket World Cup in Sudafrica del 2007 è stato il primo evento internazionale ad avere squadre di cheerleader.

Il cheerleading nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Cheerleading in Europa[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994 si è costituita l'ECA, European Cheerleading Association, che dal 1995 organizza i Campionati europei di cheerleading[8].

Nel 2003 l'ASD Cheerdance Millennium di Trieste è stata la prima squadra italiana a parteciparvi[9]. La stessa squadra nel 2009 è stata anche la prima italiana presente ai Campionati Mondiali[10], organizzati a partire dal 2004[11].

Nel 2011, a seguito di diverse problematiche interne, diversi membri della ECA decidono di costituire una nuova federazione europea, la European Cheer Union (ECU) sotto l'egida della International Cheer Union (ICU), leader mondiale del cheerleading con oltre 3,5 milioni di atleti su più di 100 nazioni del mondo.

Nel giro di pochi mesi quasi tutte le federazioni europee iscritte alla ECA passano all'ECU che diventà così il punto di riferimento continentale per il cheerleading e il cheerdance.

Attualmente conta oltre 30 nazioni membre ed organizza da 3 anni i campionati europei di cheerleading e cheerdance (2011- Praga; 2012 Amsterdam; 2013 Glasgow).

Cheerleading in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008 si è costituita la FISAC, Federazione Italiana Sport Acrobatici e Coreografici la prima federazione in Italia che organizza il primo campionato nazionale di cheerleading nel 2009 a Cesenatico. Nello stesso anno si costituisce la FICAD, Federazione Italiana Cheerleading Acrobatico e Dance[12], che nel 2011 organizza il proprio Campionato italiano di Cheerleading Acrobatico e Dance, al quale prendono parte 22 squadre.

Nel 2010 la FISAC diventa membro dell'International Cheer Union(ICU), organizzazione mondiale che riunisce oltre 3,5 milioni di cheerleaders di oltre 100 nazioni differenti. Nello stesso anno la FICAD entra nella International Cheerleading Federation, il vecchio organismo mondiale ormai diffuso esclusivamente nei paesi asiatici.

Nel 2011 viene istituita la European Cheer Union (ECU), branca Europea della ICU, di cui entra a far parte la FISAC.

Nel 2013 membri provenienti da entrambe le federazioni decidono di costituire la FICEC, Federazione Italiana Cheerleading e Cheerdance una terza federazione di cheerleading.

Nel 2013,FISAC FICAD FICEC vengono riconosciute come membri effettivo della European Cheer Union, con la quale collaborano per lo sviluppo di questo sport in Italia.

Cheerleading nei media[modifica | modifica wikitesto]

Una cheerleader

Dal 1997 dopo varie trasmissioni televisive sulle gare di cheerleading e l'uscita di numerosi film sull'argomento, il cheerleading è diventato popolare anche al di fuori degli Stati Uniti. Attualmente tale sport è praticato in tutto il mondo con milioni di partecipanti.

L'aumentare della popolarità del cheerleading negli ultimi anni ha reso l'argomento uno dei più rappresentati nei film destinati ad un pubblico giovanile. La storia del film del 2000 "Ragazze nel pallone" con protagonista Kirsten Dunst (che in passato era stata davvero una cheerleader), ruotava proprio intorno alla competizione fra alcune squadre di cheerleader di diverse scuole.

Il film ebbe un successo inaspettato, incassando circa 70 milioni di dollari e generando due sequel, il secondo dei quali, intitolato Ragazze nel pallone: tutto o niente, aveva come protagonista Hayden Panettiere. Proprio la Panettiere però diverrà celebre solo in seguito, interpretando nuovamente il ruolo della cheerleader nel telefilm Heroes. Hanno girato anche un telefilm con pochi telespettatori,Hellcats con protagonista Ashley Tisdale.

Dal 2006 il canale Lifetime trasmette il reality show Cheerleader Nation, trasmesso dalla Paul Laurence Dunbar High School a Lexington (Kentucky). Il reality show segue le vicende della squadra di cheerleader dell'istituto, alla conquista del terzo titolo nazionale.

La Nintendo ha pubblicato due videogiochi in Giappone per la console Nintendo DS, dal titolo Osu! Tatakae! Ouendan, ed il sequel Moero! Nekketsu Rhythm Damashii. Il gioco è incentrato sul cheerleading acrobatico maschile. Oltre alle coreografie, nel gioco è importante tenere alto il morale della squadra che si supporta, incitando in maniera sempre più forte.

Cheerleader celebri[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chana R. Schoenberger, The Most Dangerous Sports in Forbes, 16 novembre 2006. URL consultato il 29 giugno 2007.
  2. ^ CBS/AP, Cheerleading Injuries Increasing in The Early Show, CBS Broadcasting Inc., 3 gennaio 2006. URL consultato il 29 giugno 2007.
  3. ^ Randy L. Neil e Elaine Hart, The Official Cheerleader's Handbook, Revised Fireside Edition 1986, Simon & Schuster, 1986, ISBN 0-671-61210-7.
  4. ^ Marisa Walker, Cheer Milestones in American Cheerleader, vol. 11, nº 1, febbraio 2005, pp. 41–43, ISSN 1079-9885.
  5. ^ Joel D. Balthaser, Cheerleading – Oh How far it has come!, Pop Warner, 6 gennaio 2005. URL consultato l'11 gennaio 2007.
  6. ^ Indianapolis Colts - www.football.com. URL consultato il 4 novembre 2007.
  7. ^ About the AACCA. URL consultato l'11 gennaio 2007.
  8. ^ (EN) European Cheerleading Association History, European Cheerleading Association. URL consultato il 18 agosto 2011.
  9. ^ (EN) Presentation of Cheerleading in Italy, European Cheerleading Association. URL consultato il 19 agosto 2011.
  10. ^ Cheerdance Millenium - Chi siamo, cheerdancemillenium.com. URL consultato il 18 agosto 2011.
  11. ^ (EN) History of Cheerleading, International Cheer Union. URL consultato il 18 agosto 2011.
  12. ^ Mission FIC, Federazione Italiana Cheerleading Acrobatico e Dance. URL consultato il 18 agosto 2011.
  13. ^ a b c d e f g h i j k l m n American Cheerleader, vol. 11, nº 1, febbraio 2005, ISSN 1079-9885.
  14. ^ CNN Specials - Democracy in America
  15. ^ American Cheerleader, vol. 13, nº 1, febbraio 2007, ISSN 1079-9885.
  16. ^ http://i2.tinypic.com/242h3zq.jpg
  17. ^ a b American Cheerleader, vol. 13, nº 5, ottobre 2007, ISSN 1079-9885.
  18. ^ http://pubpages.unh.edu/~sfreni/pages/famous.html
  19. ^ • SWEETKISSESnet Your number 1 source for Jessica Simpson

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

sport Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport