Chebba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Chebba
municipalità
الشابة
Dati amministrativi
Stato Tunisia Tunisia
Governatorato Mahdia
Delegazione Divisione amm grado 2 mancante (man)
Territorio
Coordinate 35°14′24″N 11°07′12″E / 35.24°N 11.12°E35.24; 11.12 (Chebba)Coordinate: 35°14′24″N 11°07′12″E / 35.24°N 11.12°E35.24; 11.12 (Chebba)
Superficie 121,56 km²
Abitanti 19 883 (2004)
Densità 163,57 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 5170
Fuso orario UTC+1
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Tunisia
Chebba

Chebba o La Chebba (Arabo:الشابة) è una città costiere del Sahel tunisino situata a 65 km a nord di Sfax e 36 km a sud di Mahdia.

La città è situata all'altezza di Capo Ras Kapoudia, che è il punto più orientale del Sahel tunisino.

Inserita nel Governorato di Mahdia, costituisce una municipalità della superficie di 121,56 km² e con una popolazione di 19883 abitanti (2004).

La città possiede un importante porto peschereccio che beneficia di una situazione marittima eccezionale in quanto questa zona di pesca si trova all'intersezione della zona di pesca del pesce blu (a nord verso Mahdia) e quella del pesce bianco (a sud verso Sfax. Chebba è ugualmente un antico borgo agricolo che esporta gli ulivi.

La città è inoltre sede di un centro di servizi importanti che conta sette scuole primarie, due collegi, due licei secondarie, un liceo tecnico, uno stadio e un ospedale. La maggior parte delle case ha oggi la corrente elettrica.

Grazie alla sua posizione in fronte al mare e alle sue spiagge, la città è destinazione di turismo interno, principalmente per gli abitanti della regione di Sfax.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Chebba ha conosciuto molte invasioni durante la sua storia: Fenici, Romani, Vandali, Bizantini e infine gli Arabi. All'epoca romana, era conosciuta con il nome di Caput Vada (« punto di partenza ») in ragione della sua posizione strategica. La città, come oggi, era specializzata nel commercio dell'olio di oliva. Sono presenti 3600 piedi di ulivi, che oggi sono di per la maggiore di proprietà privata. Le rovine abbondano nelle vicinanze della città; famoso è un mosaico di 2,90 m di larghezza e 1,90 m di altezza, scoperta nel 1902: rappresenta il dio Nettuno sul carro del mare, trainato da quattro ippocampi, in compagnia della consorte Anfitrite e da un tritone.

Mosaico raffigurante il dio Nettuno

Dopo l'invasione dei Vandali, popolo originario della regione dell'Oder, la città è stata completamente distrutta e ricostruita dai Bizantini nel 533 sotto il comando del generale Belisario (Flavius Belisarius), con il nome di Justinanopolis in onore dell'imperatore bizantino Giustiniano. Durante la riconquista delle terre romane, la città fu la prima che i Bizantini ripresero ai Vandali, che si erano instaurati nel Nord Africa dopo la cacciata da parte dei Visigoti in Spagna. La Borj Khadija (torre di Khadija), è il principale monumento intatto dell'occupazione bizantina.