Chazaqiel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Chazaqiel (Aramaico: זיקיאל, Greco: Εζεκιήλ), anche Êzêqêêl col significato di "Nuvola di Dio"[1]) è un angelo menzionato nel Libro di Enoch, un testo d'argomento biblico[2] di origini giudaiche la cui redazione definitiva risale al I secolo a.C.

Chazaqiel viene descritto nel Libro di Enoch come l'ottavo dei 20 prefetti dei Grigori (dal greco antico per "Custodi" o "Guardiani"), un gruppo di duecento angeli scesi sulla terra al seguito del loro capo Samyaza col compito originario di sorvegliare gli esseri umani.

Disatteso il mandato divino, i Grigori avrebbero generato con le donne mortali una progenie gigantesca dall'indole violenta e selvaggia, i Nephilim, e a insegnato agli uomini svariate arti e conoscenze come la lavorazione dei metalli. I loro insegnamenti avrebbero, tuttavia, spinto gli esseri umani verso la corruzione innescando la successione di eventi che avrebbero condotto Dio a scatenare il diluvio universale.

Il significato etimologico di Chazaqiel si riferisce al sapere che egli avrebbe trasmesso agli uomini: la "conoscenza delle nubi", vale a dire la meteorologia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Michael Knibb lo traduce come "Stella cadente di Dio" (op. cit., 1978).
  2. ^ Il Libro di Enoch è ritenuto un libro divinamente ispirato da parte della Chiesa ortodossa copta, ma è considerato un apocrifo dalla maggior parte delle confessioni ebraiche e cristiane.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Michael A. Knibb, The Ethiopic Book of Enoch, Oxford, Clarendon Press, 1978, repr. 1982.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]