Charles Rosher

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Charles Rosher (Londra, 17 novembre 1885Lisbona, 15 gennaio 1974) è stato un direttore della fotografia inglese.

Membro fondatatore dell'ASC, fu uno dei pionieri tra i direttori della fotografia di Hollywood, vincendo anche la prima edizione del Premio Oscar per la fotografia: nel 1927, insieme al collega Karl Struss, vinse il Premio Oscar per Aurora di Friedrich Wilhelm Murnau, un film diventato una pietra miliare della storia del cinema.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Londra, Charles Rosher iniziò a lavorare nel 1905. Aveva studiato fotografia, ma acquistò una buona reputazione solo lavorando come cameraman per i cinegiornali prima di trasferirsi nel 1909 negli Stati Uniti. Lì, trovò lavoro da David Horsley, presso la sua casa di produzione nel New Jersey. A causa dei problemi che nascevano dalla scarsa illuminazione dovuta al fatto che si giravano i film in esterni e la luce non sempre era ottimale, Horsley decise di mandare la sua troupe in California, dove fece costruire uno studio per la sua compagnia, la Nestor, in una piccola località che aveva anche il pregio di essere molto lontana. Fattore non indifferente per ciò che riguardava la guerra dei brevetti che contrapponeva in quel periodo i piccoli produttori come Horsley al Trust di Thomas Edison. Il luogo si chiamava Hollywood e, di fatto, Rosher diventò così il primo cameraman a tempo pieno della storia di quella che sarebbe diventata la capitale del cinema americano.

Nel 1913, Rosher si recò in Messico per filmare la rivoluzione di Pancho Villa. Nel 1918, fu uno dei membri fondatori dell'American Society of Cinematographers (ASC), diventandone il vice Presidente.

Lavorò a lungo con Mary Pickford, di cui era il direttore della fotografia preferito, curando con estrema puntigliosità tutti gli elementi delle riprese dei film interpretati dalla popolarissima fidanzata d'America.

Rosher lavorò per numerosi studios, ma passò gli ultimi dodici anni della sua carriera lavorando in esclusiva per la MGM, dove fu direttore della fotografia dei rutilanti technicolor con Esther Williams.

Era il padre dell'attrice Joan Marsh e del direttore della fotografia Charles Rosher Jr.. Morì a Lisbona, nel 1974, a settantanove anni a causa di una caduta accidentale.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Nella sua carriera Rosher ha ottenuto sei nomination all'Oscar per la migliore fotografia, vincendone due per i film Aurora (1929) e Il cucciolo (1947).

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 53153849 LCCN: n85376757