Charles Jenkinson, I conte di Liverpool

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Charles Jenkinson, I conte di Liverpool
Charles Jenkinson, I conte di Liverpool
Dipinto di George Romney, 1802.
Conte di Liverpool
In carica 1796 –
1808
Successore Robert Jenkinson, II conte di Liverpool
Altri titoli barone Hawkesbury
Nascita Oxfordshire, 26 aprile 1727
Morte Londra, 17 dicembre 1808
Dinastia Jenkinson
Padre Charles Jenkinson
Madre Amarantha Cornewall
Consorte Amelia Watts
Catherine Bishopp

Charles Jenkinson, I conte di Liverpool (Oxfordshire, 26 aprile 1727Londra, 17 dicembre 1808), è stato un nobile inglese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era il figlio primogenito del colonnello Charles Jenkinson (13 giugno 1693-1750), e di sua moglie, Amarantha Cornewall (?-1785). La famiglia Jenkinson discendeva da Anthony Jenkinson (?-1611), un mercante e viaggiatore inglese. Studiò alla Charterhouse School e University College di Oxford.

Carriera politica[modifica | modifica sorgente]

È stato deputato per Cockermouth e Sottosegretario di Stato durante il governo di Lord Bute. Nel 1763, George Grenville lo nominò a segretario al TesoroTemplate:Sfn.

Nel 1766, dopo un breve ritiro, divenne Lord dell'Ammiragliato e poi Lord del Tesoro durante il governo di Lord Grafton. Nel 1772 divenne membro del consiglio privato e Vice Tesoriere d'Irlanda.

Dal 1778 fino alla fine del governo di Lord North, nel 1782 divenne segretario alla guerra. Dal 1786 al 1803, è stato presidente del Board of Trade e Cancelliere del Ducato di Lancaster.

Nel 1786 fu creato barone Hawkesbury, e nel 1798, conte di Liverpool. Riuscì anche come VII Baronetto di Walcot nel 1790.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Primo Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Sposò, il 9 febbraio 1769, Amelia Watts (?-12 luglio 1770), figlia di William Watts. Ebbero un figlio:

Secondo Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Sposò, il 22 giugno 1782, Catherine Bishopp (1743-14 giugno 1781), figlia di Sir Cecil Bishopp, VI Baronetto ed Anne Boscawen. Ebbero due figli:

Morte[modifica | modifica sorgente]

Morì a Londra il 17 dicembre 1808.