Charles Greene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo architetto e suo fratello Henry, vedi Greene and Greene.
Charlie Greene
Charles Greene 1970.jpg
Dati biografici
Nome Charles Edward Greene
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 183 cm
Peso 81 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Velocità
Record
100 metri 9"9
Carriera
Nazionale
1968 Stati Uniti Stati Uniti
Palmarès
Giochi olimpici 1 0 1
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Charles Edward "Charlie" Greene (Pine Bluff, 21 marzo 1945) è un ex atleta statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Già nel 1964, a soli 19 anni, era dato fra i favoriti per la qualificazione ai Giochi Olimpici, ma un infortunio muscolare fece sì che non andasse oltre un inutile sesto posto ai trials. Successivamente Greene vinse i campionati AAU sulle 100 iarde nel 1966 e sui 100 metri nel 1968. In quest'ultima occasione stabilì per due volte il record del mondo: corse in 10 secondi netti in batteria e in 9"9 nella seconda semifinale, lo stesso tempo con il quale Jim Hines e Ronnie Ray Smith avevano segnato il nuovo record del mondo nell'altra semifinale disputata pochi minuti prima, abbattendo per la prima volta il "muro" dei 10 secondi[1]. Come studente della University of Nebraska, Greene vinse il campionato NCAA sulle 100 yd dal 1965 al 1967 ottenendo come miglior tempo 9"1, record mondiale eguagliato.

Alle Olimpiadi di Città del Messico Greene conquistò la medaglia di bronzo sui 100 metri nonostante un dolore muscolare avvertito durante la finale. Questo inconveniente non gli impedì di prendere parte alla staffetta 4x100 che conquistò l'oro con il record del mondo.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
1968 Giochi olimpici Messico Città del Messico 100 metri Bronzo Bronzo 10"0
4×100 metri Oro Oro 38"2 Record mondiale

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tempi ufficialmente accreditati con cronometraggio manuale. Il cronometraggio elettronico, all'epoca non ufficiale, diede il tempo di 10"03 per Hines, 10"09 per Greene e 10"13 per Smith.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]