Charles Forte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lord Charles Forte, nato Carmine Forte, (Monforte, 26 novembre 1908Londra, 28 febbraio 2007), è stato un imprenditore italo-britannico nominato Pari d'Inghilterra con il titolo di Barone nel 1981.

Vita[modifica | modifica sorgente]

Nacque nella frazione Mortale del comune di Casalattico (nella Valle di Comino, in provincia di Frosinone) nel 1908, figlio maggiore di Rocco Giovanni Forte e della moglie, Maria Luigia, figlia di Michelangelo Antonio Forte. Fin dall'ultimo ventennio del XIX secolo vi fu un flusso migratorio da quell'area verso la Scozia e nel 1911 Rocco Forte decise di raggiungere il fratello e il cugino che avevano un'avviata attività commerciale in Scozia; Rocco aprì il Savoy Cafè ad Alloa, (Clackmannanshire), poco distante da Stirling, il resto della famiglia lo raggiunse nel 1913 e il nome di Carmine venne anglicizzato in Charles[1].

Fin da giovane dimostrò talento imprenditoriale, riuscendo a creare dal nulla un impero economico di livello mondiale: il Gruppo Forte.

Nel 1981 fu nominato Barone da Margaret Thatcher per conto della Regina d'Inghilterra e fu succeduto alla guida della sua catena imprenditoriale (centrata sull'industria alberghiera) dal figlio Rocco.

Lord Charles Forte morì a Londra a 98 anni.[2]

Successi con il "Gruppo Forte"[modifica | modifica sorgente]

Lord Charles Forte riuscì a creare un poderoso gruppo omonimo, che controllava già negli anni ottanta 800 alberghi e 1.200 ristoranti, dando impiego a circa 70.000 persone in tutto il mondo.

Il suo inizio era stato molto umile: una latteria negli anni trenta, ma subito iniziò un'aggressiva catena di espansioni nell'area della ristorazione che negli ultimi anni quaranta lo rinomarono nell'area di Piccadilly di Londra.

Agli inizi degli anni ottanta Charles Forte investì negli Stati Uniti comperando la catena Travelodge (alberghi/motel per classe borghese medio-alta) e la trapiantò anche nelle isole britanniche con notevole successo.

Il "Gruppo Forte" divenne coproprietario anche del famoso Hotel Savoy di Londra, tempio dell'aristocrazia inglese.

Nel 1993 Lord Charles Forte trasferì al figlio Rocco il comando del "Gruppo Forte" e si ritirò ottuagenario nelle sue proprietà sparse per il mondo.

Successivamente nel 1996 il figlio subì un "take-over" ed il "Gruppo Forte" fu venduto, conservando solamente la catena alberghiera di lusso con il nome "Hotels RoccoForte".

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ricordo di Lord Charles Forte
  2. ^ BBC: Decesso di Sir Charles Forte (in inglese)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Forte, Charles. Autobiography of Charles Forte. Sidgwick & Jackson Publisher. London, 1986

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 22042593

migranti Portale Migranti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di migranti