Charles-Nicolas Cochin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Charles-Nicolas Cochin

Charles-Nicolas Cochin (Parigi, 22 febbraio 1715Parigi, 29 aprile 1790) è stato un pittore, scrittore e disegnatore francese, noto soprattutto per la sua appartenenza ad una celebre famiglia di incisori attivi nei secoli XVII e XVIII.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cochin, figlio di Charles-Nicolas Cochin il Vecchio (1688-1754), sotto la cui guida effettuò l'addestramento tecnico,[1] mentre la sua formazione culturale risultò incentrata sullo studio della filosofia, in particolar modo di John Locke e sulle discipline umanistiche.[2]

Nel 1730, Cochin entrò a far parte del Gobelins group guidato da Charles Parrocel.

Abbazia di Port-Royal-des-Champs progettata da Cochin.

Cochin raggiunse con una notevole celerità il successo e già nel 1737, venne incaricato dal giovane Luigi XV di Francia di occuparsi delle commemorazioni dei vari eventi di corte, oltre a dedicarsi ai ritratti ed a trattati di arte.[3]

Quattro anni dopo venne accolto in Accademia e nel frattempo collaborò con progetti per cerimonie e feste, di cui Cochin fissava poi il ricordo con stampe ed incisioni. In occasione delle nozze del Delfino, nel 1745, realizzò quattro pregevoli scene, tra le quali lo Spectacle de gala.

Riuscì ad ottenere agevolazioni e aiuti da parte della Pompadour, che lo invitò, nel 1749, ad accompagnare suo fratello e l'architetto Jacques-Germain Soufflot in Italia per un viaggio di approfondimento artistico.[4]

Nel 1753, Cochin assieme a Bellicard pubblicò le Osservazioni sulle antichità della città di Herculaneum, e due anni dopo assunse il ruolo direttivo dell'Accademia reale e della Société académique des Enfants d'Apollon.[5]

Luigi XV attestò i servigi di Cochin con la patente di nobiltà e l'iscrizione all'ordine di San Michele.

Dettaglio del frontespizio della Encyclopédie di Diderot, disegnato da Cochin

Nell'arco della sua carriera ha prodotto oltre 1500 pezzi, tra cui ritratti di personaggi famosi, incisioni con le cerimonie del tempo.

Il suo viaggio italiano lo accostò ai classici e all'arte antica, inducendo in lui un gusto anticipatore di quello neoclassico.

Pubblicazioni principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Cochin, Charles-Nicolas, Voyage d'Italie, ou recueil de notes sur les ouvrages de peinture et de sculpture qu'on voit dans les principales villes d'Italie (Parigi, 1751, in 3 volumi)
  • Cochin, Charles-Nicolas (con Bellicard, Jérôme-Charles), Observations upon the Antiquities of the Town of Herculaneum (Londra 1753, Parigi 1754)
  • Cochin, Charles-Nicolas, Recueil de quelques pièces concernant les arts, avec une dissertation sur l'effet de la lumière et des ombres relativement à la peinture (Parigi, 1757, in 3 volumi)
  • Cochin, Charles-Nicolas, Réflexions sur la critique des ouvrages exposés au Louvre (Parigi, 1757)
  • Cochin, Charles-Nicolas, Les Misotechnistes aux enfers, ou Examen critique des observations de N.D.L.G sur les arts (Amsterdam e Parigi, 1763)
  • Cochin, Charles-Nicolas (con Patte, Pierre, e Chaumont) Projet d'une salle de spectacle pour un théâtre de comédie (Londra e Parigi, 1765)
  • Cochin, Charles-Nicolas, Lettres sur les vies de M. Slodtz et de M. Deshays (Parigi, 1765)
  • Cochin, Charles-Nicolas, Lettre à une société d'amateurs prétendus (1769)
  • Under the pseudonym of Jérôme, Réponse à M. Raphaël (Parigi, 1769)
  • Cochin, Charles-Nicolas, Les Amours rivaux, ou l'homme du monde (Parigi, 1774)
  • Cochin, Charles-Nicolas, Lettres sur l'Opéra (Parigi, 1781)
  • Cochin, Charles-Nicolas, Lettres à un jeune artiste peintre

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Charles-Nicolas Cochin the Younger su britannica.com
  2. ^ Le muse, De Agostini, Novara, 1965, Vol.III, pag.342
  3. ^ cite web url=http://www.encyclopedia.com/doc/1E1-Cochin-C.html Charles Nicolas Cochin
  4. ^ Svend Eriksen, Early Neo-Classicism in France, 1974
  5. ^ Charles-Nicolas Cochin II

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rocheblave, Samuel, Les Cochin (Parigi, Librarie de l'Art, 1893),
  • Rocheblave, Samuel, Charles-Nicolas Cochin, graveur et dessinateur (1715-1790) (Parigi, G. Vanoest, 1927, 110 pp, 71 plates)
  • Michel, Christian, Charles-Nicolas Cochin et le livre illustré au XVIIIe siècle: avec un catalogue raisonné des livres illustrés par Cochin 1735-1790 (Ginevra, 1987)
  • Michel, Christian (ed.), Le voyage d'Italie de Charles-Nicolas Cochin (1758) (Rome, École de France de Rome, 1991)
Charles de Brosses, conte de Tournai e di Montfaucon disegnato da Cochin

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 51687541 LCCN: n84111949