Chalinolobus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Chalinolobus
Chalinolobus gouldii-Cayley.jpg
Chalinolobus gouldii
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Vespertilionidae
Sottofamiglia Vespertilioninae
Tribù Vespertilionini
Genere Chalinolobus
Peters, 1867
Specie

Vedi testo

Chalinolobus (Peters, 1867) è un genere di pipistrelli della famiglia dei Vespertilionidi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Al genere Chalinolobus appartengono pipistrelli di piccole dimensioni, con lunghezza della testa e del corpo tra 42 e 75 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 30 e 50 mm, la lunghezza della coda tra 32 e 60 mm e un peso fino a 18 g.[1]

Caratteristiche craniche e dentarie[modifica | modifica wikitesto]

Il cranio presenta un rostro corto e largo, una scatola cranica rotonda ed elevata e la bolla timpanica piccola. Gli incisivi superiori interni sono lunghi ed unicuspidati, mentre quelli inferiori sono trifidi. I canini sono semplici e ben sviluppati. I denti masticatori sono forniti di tutte le cuspidi.

Sono caratterizzati dalla seguente formula dentaria:

3 2 1 2 2 1 2 3
3 2 1 3 3 1 2 3
Totale: 34
1.Incisivi; 2.Canini; 3.Premolari; 4.Molari;

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La pelliccia è lunga. Il colore generale del corpo varia dal marrone scuro al nerastro, talvolta con le parti inferiori più chiare e con delle strisce bianche lungo i fianchi. La testa è rotonda, con la fronte alta, il muso è corto, largo e tronco, con due masse ghiandolari sui lati e le narici che si aprono lateralmente. Gli occhi sono piccoli. Le orecchie sono corte, triangolari e con l'estremità arrotondata. Il trago è corto, allargato verso l'estremità arrotondata ed inclinato in avanti, mentre l'antitrago si estende tramite un lobo rotondo fino all'angolo posteriore della bocca unito ad un altro piccolo lobo allungato sul labbro inferiore. Le membrane alari sono attaccate posteriormente alla base delle dita dei piedi, i quali sono piccoli. La coda è lunga e generalmente inclusa completamente nell'ampio uropatagio. Il calcar è ben sviluppato e fornito di una carenatura rotonda.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il genere è diffuso in Nuova Guinea, Australia, Nuova Caledonia e Nuova Zelanda.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Il genere comprende 7 specie.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Novak, 1999
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Chalinolobus in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ronald M. Novak, Walker's Mammals of the World, 6th edition, Johns Hopkins University Press, 1999. ISBN 9780801857898

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi