Chaerephon ansorgei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Chaerephon ansorgei
Immagine di Chaerephon ansorgei mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Molossidae
Sottofamiglia Molossinae
Genere Chaerephon
Specie C.ansorgei
Nomenclatura binomiale
Chaerephon ansorgei
Thomas, 1913
Sinonimi

Nyctinomus rhodesiae

Chaerephon ansorgei (Thomas, 1913) è un Pipistrello della famiglia dei Molossidi diffuso nell'Africa subsahariana.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Pipistrello di piccole dimensioni, con la lunghezza totale tra 99 e 119 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 43 e 48 mm, la lunghezza della coda tra 32 e 46 mm, la lunghezza del piede tra T15 e 17 mm, la lunghezza delle orecchie tra 15 e 23 mm e un peso fino a 24,5 g.[3]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La pelliccia è corta, soffice e densa, sparsa sulla nuca e termina sulla groppa. Le parti dorsali variano dal bruno-grigiastro scuro al marrone scuro o bruno-rossastro talvolta con delle chiazze biancastre, mentre le parti ventrali sono più chiare tranne la gola che può essere marrone o nerastra specialmente nei maschi. Il labbro superiore ha 6-7 pieghe ben distinte ed è ricoperto di corte setole. Il mento è privo di peli. Le orecchie sono grigio chiare o bruno-rossastre e sono unite anteriormente da una membrana a forma di V che contiene una cresta di peli scuri all'interno di una sacca superficiale, più consistente nei maschi. Il trago è molto piccolo, squadrato, mentre l'antitrago è molto grande e trapezoidale. Le membrane alari sono bruno-rossastre o grigio chiare e semi-trasparenti. La coda è lunga, tozza e si estende per più della metà oltre l'uropatagio. Il cariotipo è 2n=48 FNa=66-68.

Ecolocazione[modifica | modifica wikitesto]

Emette ultrasuoni a basso ciclo di lavoro sotto forma di impulsi a banda stretta e frequenza quasi costante a circa 17,8 kHz. Oltre alla fondamentale sono presenti altre due armoniche.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Si rifugia in piccoli crepacci e fessure nelle rupi e all'interno di grotte,miniere e occasionalmente in edifici. Le attività di caccia iniziano al tramonto. Il volo è rapido ed agile.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di insetti volanti catturati negli spazi aperti..

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Le nascite avvengono in novembre e aprile. Danno alla luce un piccolo alla volta.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa in Costa d'Avorio nord-orientale, Nigeria orientale, Repubblica Centrafricana, Sud Sudan meridionale, Etiopia centrale, Repubblica Democratica del Congo orientale e meridionale, Uganda, Kenya, Tanzania, Zambia, Angola settentrionale, Zimbabwe e provincia sudafricana del KwaZulu-Natal.

Vive nelle savane alberate, inclusi boschi di Isoberlinia, Acacia-Commiphora e Miombo e in ambienti montani.

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale, la popolazione presumibilmente numerosa e la presenza in diverse aree protette, classifica C.ansorgei come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Mickleburgh, S., Hutson, A.M., Bergmans, W. & Cotterill, F.P.D. 2008, Chaerephon ansorgei in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Chaerephon ansorgei in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Happold & Happold, 2013

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Meredith & David C.D.Happold, Mammals of Africa. Volume IV-Hedgehogs, Shrews and Bats, Bloomsbury, 2013. ISBN 9781408122549

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi