Chéri (film 2009)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chéri
Chéri - film.jpg
Michelle Pfeiffer in una scena del film.
Titolo originale Chéri
Paese di produzione Regno Unito, Francia, Germania
Anno 2009
Durata 92 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere romantico
Regia Stephen Frears
Soggetto Colette
Sceneggiatura Christopher Hampton
Produttore Bill Kenwright, Andras Hamori, Tracy Seaward e Thom Mount
Produttore esecutivo Christopher Hampton, Richard Temple, Simon Fawcett, François Ivernel, Cameron McCracken
Casa di produzione Pathé, Bill Kenwright Films, UK Film Council, Filmstiftung Nordrhein-Westfalen, Deutsche Filmförderfonds, Aramid Entertainment, France 3 Cinéma
Distribuzione (Italia) 01 Distribution
Fotografia Darius Khondji
Montaggio Lucia Zucchetti
Musiche Alexandre Desplat
Scenografia Alan MacDonald
Costumi Consolata Boyle
Trucco Daniel Phillips
Interpreti e personaggi
Premi

Chéri è un film del 2009 diretto da Stephen Frears e sceneggiato dal Premio Oscar Christopher Hampton, adattando per il grande schermo l'omonimo romanzo della scrittrice francese Colette. Il film è interpretato da Michelle Pfeiffer, Rupert Friend e Kathy Bates.

Presentato alla 59ª edizione del Festival di Berlino, il film è uscito nelle sale italiane il 28 agosto 2009.

La colonna sonora è eseguita dalla London Symphony Orchestra.

Trama[modifica | modifica sorgente]

L'affascinante sofisticata cortigiana Lea de Lonval (Michelle Pfeiffer) si è ritirata, dopo la partenza del suo ultimo cliente, a vita privata. Una sua vecchia amica le chiede di prendersi cura di suo figlio, il viziato e vanitoso Fred Peloux detto Chéri (Rupert Friend). Amiche di lunga data, Madame Charlotte Peloux (Kathy Bates) e Lea fanno parte dell'alta società parigina. Nonostante la notevole differenza d'età, tra Lea e Chéri scoppia la passione e i due vivono per sei anni una intensa e appagante relazione. Siamo nel 1906. La madre di Chéri, il quale ora ha 25 anni, ha ben altri piani per il futuro del figlio: vuole infatti combinare un matrimonio con la diciottenne illibata Edmée, la figlia di un'altra ricca cortigiana. Lea, con grande classe, non ostacola il matrimonio e cerca di mostrarsi felice e disinvolta, anche se in realtà soffre molto. Durante il viaggio di nozze tra Chéri e Edmée, Lea decide di partire con la sua cameriera per il sud della Francia. Scrive a Charlotte della sua partenza con tono leggero, allo scopo di non mostrarsi colpita e addolorata dal matrimonio del giovane amante. Chéri, venuto a conoscenza della partenza di Lea è così colpito e turbato da abbandonare la casa della madre dove vive con la giovane moglie. Intanto Lea cerca inutilmente di distrarsi con un giovanissimo e prestante corteggiatore. Ricevuta una cartolina da un'amica di Parigi, che la informa dell'abbandono della moglie da parte di Chéri, Lea fa ritorno a casa: passati pochi giorni, e dopo aver mandato la madre in avanscoperta, Chéri va a casa di Lea, pazzo di gelosia e disperato poiché convinto che la donna abbia un amante. Commossa dalle sue lacrime e travolta dalla passione, Lea gli confessa il suo amore mai sopito. Chéri rimane a dormire con Lea e il mattino seguente la donna progetta di partire con lui per vivere insieme. Ma presto, da alcune frasi sarcastiche e acide del ragazzo, Lea capisce che oramai le cose tra loro sono cambiate irrimediabilmente, e con grande dolore lo congeda per sempre. Mentre Chéri si allontana per la via la voce fuori campo ci narra il suo destino: il ragazzo partirà per la guerra ma, al suo ritorno, si renderà conto che l'unica donna che ha veramente amato è stata Lea e a causa della differenza di età e delle convenzioni questo amore è andato sprecato: quindi prende la pistola e si spara.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema