Cezar' Antonovič Kjui

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cezar' Antonovič Kjui

Cezar' Antonovič Kjui, in russo: Цезарь Антонович Кюи?, noto anche come Cesarius-Benjaminus Cui o César Cui (Vilnius, 6 gennaio 1835San Pietroburgo, 13 marzo 1918), è stato un compositore, generale e ingegnere russo.

È noto particolarmente per la sua attività in campo musicale, fece anche parte del Gruppo dei Cinque e fu critico musicale, ma anche i suoi scritti sulle fortificazioni militari ebbero una certa influenza nel settore delle costruzioni militari. Tra le moltissime prime teatrali alle quali presenziò, è da segnalare quella della seconda versione del Boris Godunov di Modest Musorgskij nel 1874

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Vilnius (città capitale della Lituania), da una famiglia cattolica, ed era il più giovane di cinque figli. Suo padre, di origini francesi Antoine (il cui nome russificato era Anton Leonardovich), era entrato in Russia al seguito dell'esercito di Napoleone Bonaparte e della sua spedizione del 1812, ed era rimasto a Vilnius dopo la sconfitta dei francesi, sposando una giovane del luogo di nome Julia Gucewicz. Il giovane César crebbe in mezzo a questa cultura multietnica ed imparò a parlare il Francese, il Russo, il Polacco, e il Lituano. Prima di terminare il ginnasio, venne mandato nel 1850 a San Pietroburgo per prepararsi ad entrare alla Scuola di Ingegneria, cosa che fece all'età di 16 anni.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • General Author/Title Catalogue of Books in Russian (1725-1998) at the Russian National Library.
  • Vladimir Vasil'evič Stasov "Цезарь Антонович Кюи: биографический очерк" ["César Antonovich Cui: A Biographical Sketch."] Артист [Artist] [Moscow], no. 34 (1894); reprinted and edited in his Избранные сочинение: живопись, скульптура, музыка. В трех томах. Т. 3. [Selected Works: Painting, Sculpture, Music. In three vols. Vol. 3.] Москва: Искусство, 1952, pp. 387–408.
  • Guglielmi, Edoardo. "Cesar Cui e l'Ottocento musicale russo," Chigiana, v. 25, no. 5 (1968), pp. 187–195.
  • Mercy-Argenteau, La Comtesse de. César Cui: esquisse critique. Paris: Fischbacher, 1888.
  • César Cui, La musique en Russie. Paris, Sandoz et Fischbacher, 1880 [Reprint: Leipzig, Zentralantiquariat der D.D.R., 1974]
  • Edward Wrocki, Cezary Cui. Życie i działalność. 1835-1918. Warszawa 1925. Nakład Rytmu
  • Nazarov, A.F. Цезарь Антонович Кюи [Cezar' Antonovič Kjui]. Moskva: Muzyka, 1989.
  • Neef, Sigrid. Handbuch der russischen und sowjetischen Oper. 1. Aufl. Kassel: Bärenreiter, 1989, c1985.
  • _______. Die Russischen Fünf: Balakirew, Borodin, Cui, Mussorgski, Rimski-Korsakow. Berlin: E. Kuhn, 1992.
  • Norris, Geoffrey and Neff, Lyle. "Cui, César [Kyui, Tsezar' Antonovich]," Grove Music Online. Ed. L. Macy. (Accessed 26 November 2005), <http://www.grovemusic.com> (Subscription required)
  • Аири Муселак,[Франсцское происхошдение русского композитора Џезара Аитоновича Кюи]. Советская Музђіка. 1979 n°10

Spartiti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 37101399 LCCN: n80086152