Cesare Mussini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cesare Mussini (Berlino, 9 giugno 1804Firenze, 24 maggio 1879) è stato un pittore italiano accademico, attivo nell'Ottocento, fu professore dell'Accademia delle Belle Arti di Firenze.

La morte di Atala 1835
Cesare Mussini
Galleria Nazionale d'Arte Moderna Roma

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Famiglia di origine[modifica | modifica wikitesto]

Cesare Mussini, nacque in seno a una famiglia di musicisti. Era il secondo degli otto figli di Natale Mussini (1765-1837), un tenore, compositore e maestro di cappella, e di Giuliana Sarti (1775-1842) anch'essa musicista e cantante lirica, figlia a sua volta di Giuseppe Sarti (1729-1802), noto musicista del tempo. Era fratello di Luigi Mussini (1813-1888), anch'egli apprezzato pittore. Cesare Mussini nacque a Berlino nel 1804, dieci anni dopo che vi si stabilirono i suoi genitori dove il padre diresse il teatro di Federico Guglielmo II.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Fu allievo di Pietro Benvenuti e di Giuseppe Bezzuoli, apprezzati pittori.
Fu professore dell'Accademia delle Belle Arti di Firenze. Era depositario delle formule con cui anticamente venivano preparati i colori a olio miscelati con resine naturali, che lui usò sempre in tutti i suoi lavori e che vendette a Hermann Schmincke e a Josef Horadam, fondatori della Ditta H. Schmincke & Co.. Formule che consentirono di produrre su larga scala i colori a olio miscelati con resine e metterli in commercio confezionati in tubetti.

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Aveva sposato una nobile prussiana, Elisa von Blesson (1822-1901), da cui ebbe cinque figli, un maschio, Arturo (1841-1904), e quattro femmine: Costanza, Fanny, Olga e Francesca.
Morì a Firenze il 24 maggio 1879[1].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Ritratti[modifica | modifica wikitesto]

  • Autoritratto 1834-1838
  • Giuliana Sarti
  • Giuseppe Sarti
  • Natale Mussini

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Secondo altre fonti morì a Barga in provincia di Lucca sempre nel 1879

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]