Cercopithecus solatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cercopiteco dalla coda dorata
Solatus.JPG
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Haplorrhini
Infraordine Simiiformes
Parvordine Catarrhini
Superfamiglia Cercopithecoidea
Famiglia Cercopithecidae
Sottofamiglia Cercopithecinae
Tribù Cercopithecini
Genere Cercopithecus
Specie C. solatus
Nomenclatura binomiale
Cercopithecus solatus
Harrison, 1984

Il cercopiteco dalla coda dorata (Cercopithecus solatus) è un primate della famiglia delle Cercopithecidae. Essendo stato scoperto solo nel 1984 molte sue caratteristiche sono ancora poco note.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

La lunghezza del corpo varia tra 50 e 70 cm, quella della coda tra 60 e 76 cm, mentre il peso è tra 4 e 9 kg, con i maschi notevolmente più grandi delle femmine.

Il colore predominante è grigio-blu, ma il collo è bianco e parte della schiena bruno-arancione. Il nome della specie deriva dal colore giallo-arancione dell’estremità della coda; il resto della coda è bianca sul lato ventrale e grigia su quello dorsale.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

L'areale comprende circa 10.000 km2 nel Gabon centrale. L'habitat è la foresta tropicale.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

L’attività è diurna e avviene prevalentemente al suolo, ma si rifugia su rami alti degli alberi per dormire. Vive in gruppi costituiti, come per gli altri cercopitechi, da un maschio adulto, femmine e piccoli, che contengono una media di 17 individui. La dieta consiste di frutta, foglie, semi, insetti e piccoli vertebrati. Dopo una gestazione che dura tra cinque e sei mesi nasce un solo piccolo, che raggiunge la maturità sessuale in circa quattro anni.

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La specie è considerata ‘’vulnerabile’’ dalla IUCN, soprattutto per la ristrettezza del suo areale.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Informazioni e foto da Archive

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi