Cerchia dei Navigli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Cerchia dei Navigli è oggi un anello di strade che circondano il centro di Milano. Il suo percorso coincide in larga parte con quello del fossato difensivo della città medievale trasformato, tra il XIV e il XV secolo, in canale navigabile (naviglio) e infine ricoperto a partire dal 16 marzo 1929. Racchiude il centro storico del capoluogo lombardo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il naviglio in via Senato, in una fotografia di inizio '900
Milano, via Manzoni. Questa era la Porta Nuova[2] della cinta medievale

Le origini del fossato risalgono al 1156, all'epoca delle guerre di Milano con il Barbarossa; fu Guglielmo da Guintellino, ingegnere militare genovese al servizio dei Milanesi a progettare le opere e a sovrintendere alla loro realizzazione. Milano era ancora cinta dalle mura romane, quelle repubblicane a sud e a ovest e l'estensione massimiana (286-305) a nord e a oriente, anche se in molti punti la città le aveva sopravanzate. Alcuni importanti monumenti, soprattutto chiese e conventi, sorgevano al loro esterno (Sant'Ambrogio, San Lorenzo, San Bernardino, Sant'Eufemia, Santo Stafano e San Babila, per citarne alcune), e intorno a queste si erano sviluppati insediamenti e attività. La città aveva da tempo un sistema idrico complesso: riceveva acque dal Seveso, dall'Acqualunga, dal Molia, dal Nirone e dall'Olona; parte la penetravano, parte la circondavano o ne uscivano (il Nirone e la Vettabbia).

La pusterla di Sant'Ambrogio che si apriva nelle mura medievali (fossa interna)[3]

La nuova cerchia, più ampia, proteggeva la città così come era diventata nei secoli e soprattutto captava anche le acque dell'Olona fino ad allora direttamente tributaro della Vettabbia. Tutte le acque furono incanalate nel nuovo fossato largo ventiquattro braccia e la terra di riporto ottenuta dallo scavo fu utilizzata per costruire imponenti bastioni (terraggi)[4]. Difese strategicamente ben piazzate, ma non particolarmente efficaci, costruite in terra rinforzata da palizzate e difese da torri di legno. Ma questi erano i materiali di cui disponeva Milano, lontana dalle cave di pietra e priva di rilievi su cui arroccare le difese. Il Barbarossa se ne impadronì e rase al suolo la città (1162) e disperse i Milanesi in differenti borghi. Fossa e cinta furono ricostruiti nel 1171, più efficaci, soprattutto perché i Milanesi avevano imparato a combattere lontani dalle loro poco difendibili mura. Col tempo, la città si dotò di un formidabile apparato di alleati, di castelli, roccaforti, borghi fortificati tanto che nel giro di due secoli divenne il più potente e ricco degli stati italiani. La vecchia fossa, superata militarmente, fu protagonista del benessere della città: dei commerci come dell'agricoltura, perché centro regolatore del sistema irriguo e delle molteplici attività che lo scorrere dell'acqua rendeva possibili: molini, folle, torchi, magli, torcitoi. Alcune di queste attività sopravvissero fino alla trasformazione in "Cerchia dei Navigli".

Così la descrive Bonvesin de la Riva

« Un fossato di sorprendente bellezza e larghezza circonda questa città da ogni parte e contiene non una palude o uno stagno putrido, ma l'acqua viva delle fonti, popolata di pesci e di gamberi. Esso corre tra un terrapieno all'interno e un mirabile muro all'esterno. »
(Bonvesin de la Riva De Magnalibus Mediolani, Milano 1288 - Pontiggia ed. Bompiani 1974.)

I "varchi" nella cinta medievale[modifica | modifica wikitesto]

I lavori di copertura del naviglio vicino piazza San Marco (1929-1930)

Le porte della città che si aprivano lungo l'attuale Cerchia erano otto e undici le pusterle, porte di minore importanza:[5]

  • Porta Ticinese, sulla direttrice da quella romana, al Carrobbio, e l'attuale, situata all'incrocio del corso omonimo con le vie Molino delle Armi[8] e via De Amicis in direzione del Ticino e di Pavia. Sopravvissuta fino a oggi, era l'unica dotata di un solo fornice.
  • Pusterla dei Fabbri, deve il suo nome all'attività del quartiere dove immetteva. Posta alla fine di via Cesare Correnti nello slargo sulla via De Amicis, è stata l'ultima a essere demolita nel 1900, nonostante l'opposizione di Luca Beltrami. Alcune sue parti sono conservate al museo del Castello e una statua d'epoca romana che vi sorgeva è ora alla Pinacoteca Ambrosiana.[9]
  • Pusterla di Sant'Ambrogio. È un caso anomalo di pusterla con doppio fornice, imponente come una porta. La vicinanza delle Basiliche di sant'Ambrogio e di san Vittore giustificherebbe per alcuni storici la "stranezza" non diversamente spiegabile. La ricostruzione moderna è assolutamente filologica, nelle forme e per i materiali impiegati, in parte originali e in parte provenienti da edifici coevi demoliti.
  • Porta Vercellina,[10] sulla direttrice da quella romana (corso Magenta all'altezza di via Nirone) all'attuale, in piazzale Francesco Baracca); era lungo l'attuale corso Magenta all'incrocio con via Carducci e via De Amicis. Curiosamente, delle porte dei tre periodi storici non resta nessuna traccia o reperto.
  • Porta Giovia, all'attuale ingresso del castello Sforzesco, fagocitata dal castello medesimo. Sorgeva sul prolungamento della linea del decumano, direttamente contrapposta a porta Romana all'estremo opposto, e questo situa la porta Giovia romana tra via Cusani e l'estremità di via san Giovanni sul Muro. La strada che ne usciva era diretta al Seprio e al suo contado per l'attuale porta Sempione[11] (Arco della Pace)
  • Pusterla delle Azze. Il nome deriva probabilmente da "acciaioli", "asce"; dava su un altro borgo noto per la fabbricazione di armi. Anch'essa inglobata nel castello (lato orientale).
  • Porta Comasina. È probabile che la porta medievale coincidesse con quella romana, in via Ponte Vetero, così come, per un tratto, coincisero i due fossati difensivi.[12] Da essa usciva la strada per Como ("comensis")[13] che a Quarto Oggiaro si biforcava per il Verbano. Oggi è Porta Garibaldi, da cui esce uno spezzone di strada (corso Como) che subito si infrange con il complesso delle infrastrutture ferroviarie.
  • Porta Nuova. Con l'ampliamento massimianeo della mura, la porta divenne "Nuova"[14] e il nome rimase a quelle che la sostituirono nelle mura successive. Quella medievale è allo sbocco di via Manzoni in piazza Cavour, assai ben conservata. Nei passaggi pedonali sui due fianchi, ricavati all'inizio del secolo scorso in due spezzoni di mura, una serie di cavità e tracce mostrano gli alloggiamenti delle grate che ne rinforzavano la chiusura e ne chiariscono il funzionamento. Ne usciva la strada per Monza e il contado della Martesana.
  • Pusterla di Borgo Nuovo. Alla fine di via Sant'Andrea e portava ai borghi Nuovo, Spesso, del Gesù e Sant'Andrea sorti tra le mura romane e la cinta.
  • Pusterla Nuova. Era situata poco più a nord di porta Nuova.[senza fonte]

A queste si aggiunse, nel 1486, Porta Lodovica (all'estremità dell'odierno corso Italia), fatta aprire da Lodovico il Moro per facilitare l'accesso dei pellegrini alla vicina Chiesa di santa Maria dei Miracoli (o presso san Celso), ancora oggi meta tradizionale per gli sposi cattolici, nel giorno del matrimonio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Di incerta datazione tra il XII e il XIV secolo
  2. ^ XII secolo
  3. ^ Si tratta di una ricostruzione moderna (1939) su base storica e materiali antichi
  4. ^ Proprio accanto alla pusterla di Sant'Ambrogio, inizia via Terraggio, che seguiva l'andamento del bastione
  5. ^ Fondamentale distinzione è che le porte si aprivano su strade verso importanti città, mentre le pusterle erano destinate, secondo il linguaggio odierno, al "traffico locale"
  6. ^ Il nome probabilmente deriva da Argenza, attuale Crescenzago o da Argentia, attuale Gorgonzola.
  7. ^ Il nome deriverebbe dalla presenza di una statua romana che raffigurava una meretrice nell'atto di radersi il pube; forse la stessa statua che fu ribattezzata come moglie dell'imperatore per irridere il Barbarossa.
  8. ^ Via Molino delle Armi « Vecchia Milano
  9. ^ Quartiere Ticinese On Line - Mappa del Quartiere
  10. ^ più frequente l'uso di indicarla come Porta Magenta, del resto "nome ufficiale" dopo il 1859
  11. ^ Questa denominazione non è corrente tra i milanesi
  12. ^ Storia di Milano ::: Porta Comasina 1
  13. ^ Va ricordato che per lungo tempo dopo la conquista, a Milano convissero Celti e Romani ognuno con la sua lingua e che comacina è l'equivalente celtico di comensis, come vercellina<di vercellensis
  14. ^ Avanzà su via Manzoni da piazza della Scala all'altezza di via Monte Napoleone

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bonvesin de la Riva, De Magnalibus Mediolani, Milano, 1288 - Pontiggia, ed. Bompiani 1974
  • Enciclopedia Italiana, volume XXII, Istituto della Enciclopedia Italiana, Roma 1951
  • Enciclopedia di Milano Franco Maria Ricci Editore, Milano 1997
  • Vittore Buzzi, claudio Buzzi, "Le vie di Milano Dizionario di toponomastica milanese", Ulrico Hoepli, Milano, 2004
  • Roberta Cordani (a cura di), Milano, il volto di una città perduta, Edizioni Celip, Milano, 2004
  • Vincenzo Bevacqua, "Pusterla e Pusterle" http://www.formazione.eu.com/_documents/cagranda/articoli/2005/0412.pdf

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Milano Portale Milano: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Milano