Ceratozamia zaragozae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ceratozamia zaragozae
Immagine di Ceratozamia zaragozae mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 CR it.svg
Critico[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Cycadophyta
Classe Cycadopsida
Ordine Cycadales
Famiglia Zamiaceae
Genere Ceratozamia
Specie C. zaragozae
Nomenclatura binomiale
Ceratozamia zaragozae
Medellín-Leal, 1963

Ceratozamia zaragozae Medellín-Leal, 1963 è una pianta appartenente alla famiglia delle Zamiaceae, endemica dello stato di San Luis Potosí, in Messico.

Il suo epiteto specifico è in onore del generale messicano Ignacio Zaragoza (1829-1862), eroe della resistenza contro l'intervento francese in Messico.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questa pianta è dotata di un fusto di forma ovoidale, lungo 9–20 cm, largo 9–11 cm, in parte sotterraneo.

Le foglie lanceolate, irregolarmente ritorte su sé stesse e lunghe fino a 95 cm, sono composte da foglioline di consistenza coriacea disposte sul rachide in modo alternato. La base del picciolo è tomentosa sul lato dorsale e glabra su quello ventrale.

È una specie dioica, con coni maschili eretti, peduncolati, lunghi 10–20 cm e di 2–3 cm di diametro. I coni femminili hanno una forma cilindrica, lunghi 8–12 cm, larghi 6-7,6 cm. Sia i microsporofilli che i macrosporofilli presentano all'apice due proiezioni cornee caratteristiche del genere Ceratozamia.

I semi hanno una forma rozzamente sferica, con un diametro di circa 2 cm.[2]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è endemica dello stato di San Luis Potosí, in Messico. Si trova, in particolare, a sud-ovest di Río Verde.

Cresce sui monti della Sierra de la Equiteria, a circa 1 800 m di altitudine, nelle foreste di pini e querce. Il suolo in questo habitat è costituito da affioramenti vulcanici e riolite.[1]

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List classifica C. zaragozae come specie in pericolo critico di estinzione (Critically Endangered). È minacciata in particolare dalla raccolta indiscriminata di esemplari, che in alcune zone ne ha già determinato la scomparsa. L'unica popolazione nota di C. zaragozae conta meno di 50 esemplari.[1]

È inserita nell'Appendice I della Convention on International Trade of Endangered Species (CITES)[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Chemnick, J & Gregory, T., Ceratozamia zaragozae in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ a b F. Medellin-Leal, A new species of Ceratozamia from San Luis Potosí in Brittonia, vol. 15, 1963, pp. 175-176.
  3. ^ CITES - Appendices I, II and III in Convention On International Trade In Endangered Species Of Wild Fauna And Flora, International Environment House, 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica