Ceratozamia norstogii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ceratozamia norstogii
Ceratozamia norstogii - Botanischer Garten München-Nymphenburg - DSC08060.JPG
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Cycadophyta
Classe Cycadopsida
Ordine Cycadales
Famiglia Zamiaceae
Genere Ceratozamia
Specie C. norstogii
Nomenclatura binomiale
Ceratozamia norstogii
D.W.Stev., 1982

Ceratozamia norstogii D.W.Stev., 1982 è una pianta appartenente alla famiglia delle Zamiaceae, endemica del Chiapas (Messico).[2][3]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

È una cicade pachicaule con fusto in parte sotterraneo, non ramificato, lungo 15-130 cm.[3][4]

Le foglie, da 5 a 15, arcuate, lunghe 70-135 cm, sono disposte a corona all'apice del fusto e sono sorrette da un picciolo lungo 10-40 cm, armato di piccole spine; sono composte da 33-65 paia di foglioline lanceolate, lunghe 23-37 cm e larghe 3–10 mm, arcuate,di consistenza coriacea, prive di venatura centrale, inserite su un rachide con asse spiraliforme.

È una specie dioica, che presenta coni maschili conici, giallo-verdastri, lunghi 25-36 cm, peduncolati, con microsporofilli lunghi 11-14 mm, e coni femminili cilindrici, verde-brunastri, lunghi 21-37 cm e larghi 9-13 cm, con macrosporofilli grossolanamente esagonali, lunghi 4-5 cm; sia gli sporofilli maschili che quelli femminili presentano all'apice le caratteristiche protuberanze cornee tipiche del genere Ceratozamia.

I semi sono ovoidali, lunghi 24-29 mm, ricoperti da un tegumento di colore inizialmente bianco-crema, che diviene bruno a maturità.

Il numero cromosomico è 2n = 16.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è un endemismo della Sierra Madre de Chiapas, negli stati messicani del Chiapas e di Oaxaca. Il suo habitat tipico sono le foreste di quercie.[1]

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Assieme a C.alvarezii e C.mirandae forma il Ceratozamia norstogii species complex, un gruppo di specie con caratteristiche simili, diffuse nella Sierra Madre de Chiapas.[5]

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List classifica C. norstogii come specie in pericolo di estinzione (Endangered)[1].

La specie è inserita nella Appendice I della Convention on International Trade of Endangered Species (CITES)[6]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Vovides, A., Chemnick, J. & Gregory, T. 2010, Ceratozamia norstogii in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ Stevenson D.W, A new species of Ceratozamia (Zamiaceae) from Chiapas, Mexico in Brittonia 1982; 34: 181-184.
  3. ^ a b Perez-Farrera MA, Vovides AP & Iglesias C, The cycad Ceratozamia norstogii D.W. Stev.(Zamiaceae) from southern Mexico: new information on distribution, habitat and vegetative morphology in Botanical Journal of the Linnean Society 2001; 137: 71-76.
  4. ^ Whitelock 2002, op. cit., p.70-71
  5. ^ Perez-Farrera MA et al., A morphometric analysis of the Ceratozamia norstogii Complex (Zamiaceae) in Cycad classification: concepts and recommendations, CABI, 2004, ISBN 978-0-85199-741-4.
  6. ^ CITES - Appendices I, II and III in Convention On International Trade In Endangered Species Of Wild Fauna And Flora, International Environment House, 2011.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica