Centro mondiale bahai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 32°48′52″N 34°59′13″E / 32.814444°N 34.986944°E32.814444; 34.986944

Il complesso dell'Arco Bahai, Haifa

Il Centro mondiale bahai è la sede spirituale e amministrativa della religione bahai fondata da Bahá'u'lláh[1].

Il Centro è costituito dal complesso di siti composto dal Mausoleo di Bahá'u'lláh presso Acri in Israele, dal Mausoleo del Báb e dalle sue terrazze sul Monte Carmelo a Haifa e dagli altri edifici dell'Arco Bahai[2].

La maggior parte della gestione e del coordinamento della Fede bahai si svolge nel Centro, comprese le decisioni che riguardano la religione in tutti i suoi aspetti, spirituali e materiali, lo studio e le traduzioni degli Scritti Sacri

La Casa Universale di Giustizia, suprema istituzione legislativa e di governo bahai, fa parte del Centro che è anche oggetto di pellegrinaggio da parte dei Bahai di tutto il mondo.

Diversi siti del Centro Mondiale Bahai, come le terrazze bahai e il mausoleo del Báb sono stati iscritti nel luglio 2008 nella World Heritage List[3][4].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le terrazze e il Mausoleo del Báb

La locazione del Centro mondiale fu il risultato, in un certo senso occasionale, degli spostamenti Bahá'u'lláh a causa dei bandi e degli imprigionamenti a cui fu sottoposto.

Bahá'u'lláh fu esiliato dalla Persia, nel 1854, da Nasser-al-Din Shah e costretto a recarsi a Bagdad, allora sotto l'Impero ottomano, per poi finire ad Acri[5].

Bahá'u'lláh passò il resto della vita in quest'ultima area comunicando con i suoi seguaci sparsi nel Medioriente, in Asia e in India attraverso speciali corrieri: Acri divenne così il centro della rete bahai, per altro in continua crescita e quando le condizioni di prigionia di Bahá'u'lláh migliorarono divenne centro di pellegrinaggio per i bahai che volevano visitare Bahá'u'lláh stesso[6].

La collocazione del Mausoleo del Báb sul Monte Carmelo fu indicata da Bahá'u'lláh al proprio figlio 'Abdu'l-Bahá durante una visita ad Haifa, mentre l'indicazione del Monte Carmelo come sistemazione del centro amministrativo bahai la dette nelle sue Tavole, che sono considerate il documento fondante dell'Amministrazione bahai[7].

Dopo la morte di Bahá'u'lláh, nel 1892, il figlio 'Abdu'l-Bahá assunse la leadership della comunità bahai e mantenne l'area come centro dell'attività bahai continuando a corrispondere da quel sito con tutti i Bahai del mondo compresi quelli dell'occidente[8].

Mentre era ancora formalmente prigioniero e confinato ad Acri, 'Abdu'l-Bahá organizzò il trasferimento dei resti mortali del Báb dall'Iran alla Palestina. Curò l'acquisto del terreno sul Monte Carmelo, come da istruzioni dategli da Bahá'u'lláh, da utilizzare per il Mausoleo del Báb, organizzandone la costruzione, che fu completata nel 1909[9].

Dopo la rivoluzione dei Giovani Turchi `Abdu'l-Bahá fu liberato e si trasferì ad Haifa vicino al Mausoleo del Báb stabilendo così in Haifa il centro amministrativo della Fede bahai[10].

Dopo la morte di 'Abdu'l-Bahá, Shoghi Effendi divenne il leader della religione e promosse lo sviluppo di diversi progetti edilizi nella zona. Restaurò, nel 1929, la casa di Bahá'u'lláh a Bahji, nell'immediata periferia di Acri, assicurandosi successivamente la proprietà del terreno circostante dove creò diversi giardini[11].

Ottenne il possesso di altri siti correlati alla vita di Bahá'u'lláh, compresa la Casa di 'Abbud

L'Arco Bahai

Ad Haifa ampliò il Mausoleo del Báb, comprò i terreni circostanti e vi costruì i giardini

Shoghi Effendi decise che gli edifici che avrebbero ospitato le istituzioni indicate nelle Tavole di Bahá'u'lláh, compresa la Casa Universale di Giustizia, avrebbero dovuto disegnare un arco, l'Arco Bahai, di cui iniziò la costruzione, circondato da giardini[12].

Il fulcro dell'arco sarebbero stati i giardini monumentali che avrebbero ospitato le sepolture di alcuni membri della famiglia di Bahá'u'lláh

Gli edifici dell'Arco, la Casa Universale di Giustizia, il Centro per lo studio dei Testi Sacri bahai, il Centro Internazionale di Insegnamento furono completati rispettivamente negli anni 1982, 1999 e 2000; anche le terrazze attorno al Mausoleo del Báb sono state completate.[13].

La costruzione della Libreria Internazionale Bahai è previsto venga effettuata nella parte finale a est dell'Arco.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Centro Studio dei Testi Sacri

Il Centro Internazionale di Insegnamento coordina e stimola il Corpo Continentale dei Consiglieri e assiste la Casa Universale di Giustizia negli affari relativi all'insegnamento e alla protezione della Fede bahai[14].

Dopo l'elezione della Casa Universale di Giustizia, 1963, aumentò notevolmente il numero degli addetti alle attività amministrative esplicate dal Centro, anche in funzione della crescita internazionale della comunità bahai e degli aumentati campi di azione del Centro Mondiale.

Alcuni dipartimenti svolgono attività di segretariato specializzato, di ricerca socio-economica, di analisi statistica, di mantenimento degli edifici del Centro e dei loro giardini, oltre che varie iniziative culturali e religiose[15].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Peter Smith, Op. cit. in bibliografia.
  2. ^ Peter Smith, Op. cit.
  3. ^ UNESCO World Heritage Centre, Three new sites inscribed on UNESCO's World Heritage List, 8 luglio 2008. URL consultato l'8 luglio 2008.
  4. ^ World Heritage Committee, Convention concerning the protection of the world cultural and natural heritage, 2 luglio 2007, pp. p. 34. URL consultato l'8 luglio 2008.
  5. ^ H.M. Balyuzi,Op. cit. in bibliografia, pp. 56-99.
  6. ^ Peter Smith, Op. cit..
  7. ^ Peter Smith, Op. cit., p. 45-46.
  8. ^ Peter Smith, Op. cit..
  9. ^ Balyuzi, Op. cit., pp. 90-93.
  10. ^ Peter Smith, Op. cit..
  11. ^ Peter Smith, Op. cit..
  12. ^ Peter Smith, Op. cit..
  13. ^ Peter Smith, Op. cit..
  14. ^ Peter Smith, Op. cit..
  15. ^ Peter Smith, Op. cit..

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • H.M. Balyuzi, 'Abdu'l-Bahá: The Centre of the Covenant of Bahá'u'lláh. Oxford, George Ronald, 2001. ISBN 0-85398-043-8.
  • E. Braun, A Crown of Beauty, The Bahá'í Faith and the Holy Land. Oxford, George Ronald, 1982. ISBN 0-85398-139-6.
  • Seena B. Fazel, The Baha'is of Iran: Socio-historical studies. New York, NY: Routledge. ISBN 0-203-00280-6.
  • R. Rabbani, The Priceless Pearl. London, Bahá'í Publishing Trust, 1969.ISBN 1-870989-91-0.
  • Peter Smith, An Introduction to the Baha'i Faith. Cambridge, Cambridge University Press, 2008. ISBN 0-521-86251-5.
  • Adib Taherzadeh, The Revelation of Bahá'u'lláh. Oxford, George Ronald, 1977. ISBN 0-85398-071-3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Bahai Portale Bahai: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bahai