Centro Storico di Città del Messico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Centro storico di Città del Messico e Xochimilco
(EN) Historic Centre of Mexico City and Xochimilco
MexCity-palacio.jpg
Tipo Culturali
Criterio (ii) (iii) (iv) (v)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1987
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda
Piazza della Costituzione
Via del Centro Storico

Il Centro Storico o primo quadro di Città del Messico è nucleo originario della città. Nel 1987 è stato dichiarato dall'UNESCO patrimonio dell'umanità, assieme a Xochimilco.

Il centro storico nacque all'arrivo dei primi europei in Messico. Era anche il centro dell'antica Tenochtitlàn, e venne costruito in seguito alla distruzione da parte degli spagnoli dell'antica città, quando arrivo' il momento di costruire la capitale della Nuova Spagna.

Sin dall'epoca azteca dal centro si dipartono quattro viali lungo due direttrici pependicolari. Essi sono ancora oggi le sue arterie principali.

I quattro viali portano gli stessi nomi dell'età azteca, e cioè:

  • Tepeyac verso Nord
  • Tacuba verso Ponente
  • Iztapalapa verso Oriente
  • Coyoacan verso Sud

Il centro storico è anche conosciuto come la città dei palazzi. Esso ricevette questo nome poiché in 668 isolati sorgono circa 1.500 edifici catalogati come palazzi di valore artistico o storico, con funzione religiosa, civile, assistenziale, ospedaliera, amministrativa, educativa e culturale. Essi sono stati costruiti fra il XVI e il XX secolo. Dopo un periodo di degrado, il centro storico è tornato a essere il cuore economico e politico del Messico. Essendo considerato il centro storico di maggior rilievo di tutta l'America, è ormai da trent'anni sotto controllo urbanistico.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]