Centrale elettronucleare Phénix

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Centrale elettronucleare Phénix
Informazioni generali
Stato Francia Francia
Località sito nucleare di Marcoule, Chusclan e Codolet (Gard, Linguadoca-Rossiglione)
Coordinate 44°08′36″N 4°42′42″E / 44.143333°N 4.711667°E44.143333; 4.711667Coordinate: 44°08′36″N 4°42′42″E / 44.143333°N 4.711667°E44.143333; 4.711667
Situazione chiusa
Proprietario CEA e EDF
Gestore CEA e EDF
Anno di costruzione novembre 1968
Inizio produzione commerciale 13 dicembre 1973 - luglio 1974
Chiusura 1º febbraio 2010
Reattori
Fornitore CNCLNEY
Tipo FBR
Attivi 1 (130[1] MW)
Produzione elettrica
Nel 2010 0 GWh
Totale 24.4 TWh
Dati aggiornati al al 20 marzo 2010

Il Phénix è un reattore nucleare prototipo dimostrativo[2] situato sul sito nucleare di Marcoule, nei comuni di Chusclan e Codolet, 30 km a nord di Avignone nel dipartimento del Gard nella regione Linguadoca-Rossiglione, gestito congiuntamente dal Commissariat à l'énergie atomique et aux énergies alternatives e da Électricité de France.

È un reattore nucleare veloce autofertilizzante, ovvero un reattore che genera da solo il suo combustibile, il plutonio-239 (partendo dall'uranio-238), utilizzando come fluido di lavoro e raffreddamento il sodio liquido; ha un tasso di auto-rigenerazione di 1,12 ovvero produce il 12 % di plutonio in più di quanto ne consuma.

È un reattore di 250 MW di potenza elettrica e 590 MW di potenza termica, entrambe nominali. Nel 2006 ha prodotto 591 GWh di elettricità, ma la media annuale degli ultimi anni si attesta piuttosto su 289 GWh. L'energia elettrica totale prodotta fino al luglio 2007 è stata di 22 742 GWh, con una media sin dall'allaccio alla rete elettrica di ~690 GWh/anno, dovuti al fatto che nei primi anni di vita il reattore è stato sfruttato piuttosto nella sua funzione di produzione elettrica. Dal 1993 il suo ruolo come impianto di ricerca sull'irraggiamento è stato enfatizzato, ed è stata ridotta la sua potenza: 350 MW termici e 145 MW elettrici rispettivamente[3], facendone scadere il rendimento: è infatti ora pari al 41,4 %.

Schema e dettagli tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Il reattore è composto da una "piscina" contenente sodio liquido radioattivo, che ha la funzione di asportare il calore prodotto dal nocciolo con temperatura in uscita di 560 °C e cederlo tramite uno scambiatore di calore intermedio ad un secondo circuito al sodio molto meno radioattivo che arriva a 550 °C e finalmente nel generatore di vapore surriscalda a 510 °C e quasi 17 MPa[3], con ciclo Hirn molto più efficiente (rendimento del 45,3 %[3]), poiché è più simile a quello di una centrale termoelettrica che non al ciclo Rankine degli attuali reattori ad acqua (rendimento 32-33 %).

Come già accennato, oggi tale reattore non ha più come scopo principale la produzione elettrica: si tratta infatti di un prototipo ed oggi la sua funzione è legata a ricerche sull'irraggiamento neutronico di materiali e combustibili, e sulla trasmutazione delle scorie radioattive a lunga vita media. Messo in servizio nel 1973 e allacciato alla rete elettrica nel 1974, è attualmente il più vecchio dei reattori nucleari francesi in funzione. Il suo arresto è previsto per l'anno 2009[3] e la sua dismissione a partire dal 2014.

Nel corso della sua vita il reattore Phénix ha subito alcuni arresti, per esempio per l'adeguamento alle norme sismiche, ed incidenti, come piccole fughe di sodio e/o incendi[4][5], alcuni dei quali classificati sulla scala INES anche a livello 1[6], ovvero al livello anomalia. Come evoluzione del Phénix, venne costruito il reattore Superphénix, impianto che nella sua vita ha dimostrato di avere ancora più problemi tecnici e politici, tanto da essere stato chiuso nel 1998 molto in anticipo sulla sua vita prevista. Il Phénix è infatti un modello intermedio fra il reattore Rapsodie (spento nel 1983) e Superphénix e, dopo la chiusura di quest'ultimo, Phénix è rimasto l'unico reattore autofertilizzante che ha continuato a funzionare in Francia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ al momento della chiusura
  2. ^ IAEA Fast Reactors general information
  3. ^ a b c d Pagina CEA
  4. ^ ASN - Avis d'incident - Marcoule Phenix
  5. ^ ASN - Incident à la centrale de Phénix comunicato stampa Autorità di sicurezza nucleare francese - 2002
  6. ^ http://www.asn.fr/entree-dhuile-dans-le-circuit-primaire-du-reacteur

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]