Centesimus Annus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Centesimus Annus
Lettera enciclica di Papa Giovanni Paolo II
Stemma di Papa Giovanni Paolo II
Anno 1 maggio 1991
Anno di pontificato XIII
Traduzione del titolo Centesimo Anno
Argomenti trattati Centenario della Rerum Novarum
Enciclica papale nº IX di XIV
Enciclica precedente Redemptoris Missio
Enciclica successiva Veritatis Splendor

La Centesimus Annus (che in latino significa "centesimo anno") è un'enciclica scritta da papa Giovanni Paolo II nel 1991, nel centesimo anniversario dell'enciclica Rerum Novarum di papa Leone XIII del 1891. Fa parte degli scritti sulla dottrina sociale della Chiesa cattolica. Nell’enciclica si fa un’analisi del socialismo e del capitalismo con un occhio nuovo, modificato dell’esperienza della Guerra Fredda, si rivede, in parte confermando, l’analisi fatta nella Rerum Novarum.

Nell'enciclica si chiede di:

  • individuare le debolezze sia delle economie socialiste sia delle economie di mercato;
  • alleggerire o cancellare il debito dei paesi poveri;
  • disarmare;
  • semplificare gli stili di vita ed eliminare lo spreco nelle nazioni ricche;
  • sviluppare le politiche pubbliche per il pieno impiego e la sicurezza del lavoro;
  • creare delle istituzioni per il controllo delle armi;
  • sacrificare alle nazioni ricche reddito e potere.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]