Cellobiosio deidrogenasi (accettore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
cellobiosio deidrogenasi (accettore)
Manca un'immagine per questo enzima. Inseriscila tu!
Puoi caricare tu un'immagine dell'enzima (se disponibile) cercandola qui e seguendo le istruzioni riportate qui. Grazie!
Numero EC 1.1.99.18
Classe Ossidoreduttasi
Nome sistematico
cellobioso:accettore 1-ossidoreduttasi
Altri nomi
cellobioso deidrogenasi; cellobioso ossidoreduttasi; Phanerochaete chrisosporium cellobioso ossidoreduttase; CBOR; cellobioso ossidasi; cellobioso:ossigeno 1-ossidoreduttasi; CDH; cellobioso:(accettore) 1-ossidoreduttasi
Banche dati BRENDA, EXPASY, GTD, KEGG, PDB
Fonte: IUBMB

La cellobiosio deidrogenasi (accettore) è un enzima appartenente alla classe delle ossidoreduttasi, che catalizza la seguente reazione:

cellobiosio + accettore cellobiono-1,5-lattone + accettore ridotto

Il 2,6-dicloroindofenolo può agire come accettore. Agisce anche, sebbene molto lentamente, sui cello-oligosaccaridi, sul lattosio e sul D-glicosil-1,4-β-D-mannosio. Include anche la cellobiosio deidrogenasi (chinone) (numero EC 1.1.5.1[1]), che è un prodotto idrolitico di questo enzima. L'enzima proveniente dal fungo bianco Phanerochaete chrisosporium è inusuale che abbia due domini di redoxina, uno contenente una flavina ed l'altro un gruppo protoeme. Trasferisce equivalenti ridotti dal cellobiosio a due tipi di accettori redox: ossidanti a due elettroni, tra cui le sonde redox, benzochinoni e ossigeno molecolare, e ossidanti ad un elettrone, tra cui le specie di semichinone, complessi del ferro(II) e l'accettore citocromo c [9].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) 1.1.5.1 in ExplorEnz — The Enzyme Database, IUBMB.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ayers, A.R., Ayers, S.B. and Eriksson, K.-E., Cellobiose oxidase, purification and partial characterization of a hemoprotein from Sporotrichum pulverulentum in Eur. J. Biochem., vol. 90, 1978, pp. 171–181. Entrez PubMed 710416.
  • Hallberg, B.M., Henriksson, G., Pettersson, G. and Divne, C., Crystal structure of the flavoprotein domain of the extracellular flavocytochrome cellobiose dehydrogenase in J. Mol. Biol., vol. 315, 2002, pp. 421–434. Entrez PubMed 11786022.
  • Baminger, U., Subramaniam, S.S., Renganathan, V. and Haltrich, D., Purification and characterization of cellobiose dehydrogenase from the plant pathogen Sclerotium (Athelia) rolfsii in Appl. Environ. Microbiol., vol. 67, 2001, pp. 1766–1774. Entrez PubMed 11282631.
  • Habu, N., Samejima, M., Dean, J.F. and Eriksson, K.E., Release of the FAD domain from cellobiose oxidase by proteases from cellulolytic cultures of Phanerochaete chrysosporium in FEBS Lett., vol. 327, 1993, pp. 161–164. Entrez PubMed 8392950.
  • Dekker, R.F.H., Cellobiose dehydrogenase produced by Monilia sp in Methods Enzymol., vol. 160, 1988, pp. 454–463.
  • Dekker, R.F.H., Induction and characterization of a cellobiose dehydrogenase produced by a species of Monilia in J. Gen. Microbiol., vol. 120, 1980, pp. 309–316.
  • Coudray, M.-R., Canebascini, G. and Meier, H., Characterization of a cellobiose dehydrogenase in the cellulolytic fungus porotrichum (Chrysosporium) thermophile in Biochem. J., vol. 203, 1982, pp. 277–284. Entrez PubMed 7103940.
  • Ayers, A.R. and Eriksson, K.-E., Cellobiose oxidase from Sporotrichum pulverulentum in Methods Enzymol., vol. 89, 1982, pp. 129–135. Entrez PubMed 7144569.
  • Mason, M.G., Nicholls, P., Divne, C., Hallberg, B.M., Henriksson, G. and Wilson, M.T., The heme domain of cellobiose oxidoreductase: a one-electron reducing system in Biochim. Biophys. Acta, vol. 1604, 2003, pp. 47–54. Entrez PubMed 12686420.
biologia Portale Biologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biologia