Cefoxitina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Cefoxitina
{{{immagine1_descrizione}}}
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C16H17N3O7S2
Massa molecolare (u) 427.454 g/mol
Numero CAS [35607-66-0]
Codice ATC J01DC01
PubChem 37194
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante

attenzione

Frasi H 317
Consigli P --- [1]

La cefoxitina rientra fra le cefalosporine (agenti battericidi) di seconda generazione.

Indicazioni[modifica | modifica sorgente]

Viene utilizzato contro le infezioni da Bacteroides fragilis, Clostridium, Morganella Morganii, Neisseria gonorrhoeae, Proteus vulgaris, nella comprimissione renale nella dialisi e nell'emodialisi.

Dosaggi[modifica | modifica sorgente]

  • Infezioni 1-2 g (endovena, dose massima 12 g al giorno)
  • In caso di emoffiltrazione continua arterovenosa 2 g. in endovena ogni 8-12 ore

Controindicazioni[modifica | modifica sorgente]

Sconsigliato in soggetti con insufficienza renale, da evitare in caso di gravidanza e allattamento materno, ipersensibilità nota al farmaco o in casi di allergia alle penicilline

Effetti indesiderati[modifica | modifica sorgente]

Fra gli effetti collaterali più frequenti si riscontrano senso di agitazione, rash, vertigini, orticaria, cefalea, nausea, diarrea, gastrite, sindrome di Stevens-Johnson, epilessia, epatite, prurito, flebite, ipotensione.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 14.09.2012, riferita al sale sodico

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Paolo Romanelli, Kerdel Franciso A, Trent Jennifer T, Manuale di terapia dermatologica, Milano, McGraw-Hill, 2006. ISBN 88-386-3913-2.
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina