Cebus libidinosus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cebo striato
Cebus libidinosus Serra da Capivara.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Haplorrhini
Infraordine Simiiformes
Parvordine Platyrrhini
Famiglia Cebidae
Sottofamiglia Cebinae
Genere Cebus
Specie C. libidinosus
Nomenclatura binomiale
Cebus libidinosus
Spix, 1823

Il cebo striato o cebo barbuto (Cebus libidinosus Spix, 1923) è un primate platirrino della famiglia dei Cebidi.

Con varie sottospecie (Cebus libidinosus libidinosus, Cebus libidinosus juruanus, Cebus libidinosus pallidus, Cebus libidinosus paraguayanus) questi animali sono diffusi dal Brasile orientale (ad ovest del rio São Francisco) fino all'area di confine fra Argentina (provincia di Misiones) e Paraguay, mentre ad ovest il suo areale si estende fino a gran parte della Bolivia (esclusa la punta settentrionale e l'altipiano andino): una popolazione isolata vive nello stato brasiliano dell'Acre, al confine col Perù.

Il pelo è color bruno chiaro, con gli avambracci, la coda e la testa neri. La testa presenta due bande brune che partono dagli occhi e terminano ai lati del mento. Sulla fronte il pelo è ispido ed alzato a formare una doppia cresta aV, che raggiunge la sommità del cranio.

La specie ha abitudini diurne ed arboricole: vive in gruppi che contano fino a venti esemplari, che comunicano utilizzando una serie di vocalizzazioni ed espressioni facciali.
Si tratta di una delle specie di platirrine più intelligenti: è soprattutto questa specie a servirsi di utensili, come ad esempio massi per rompere le noci più dure.

La dieta è essenzialmente frugivora, ma questi animali non disdegnano all'occorrenza di integrarla con materiale di origine animale, come insetti e piccoli vertebrati che scovano nel legno marcescente o catturano nelle loro tane fra gli alberi.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Cebus libidinosus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi