Cavallo (araldica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In araldica il cavallo è simbolo di valore, animo intrepido ed è considerato una delle figure nobili del blasone. Il cavallo è stata spesso assunto nello stemma da chi aveva attaccato il campo nemico e lo aveva disperso con una carica di cavalleria.[1]

Attributi araldici[modifica | modifica wikitesto]

  • Allegro quando passante e privo di finimenti
  • Bardato quando è guernito del completo finimento di guerra
  • Corrente se corre
  • Fermo quando riposa sulla quattro zampe
  • Galoppante se lanciato a tale andatura
  • Gualdrappato quando coperto di gualdrappa
  • Inalberato equivale a spaventato
  • Passante se in atto di camminare, con la zampa anteriore destra alzata
  • Recalcitrante quando solleva le zampe posteriori
  • Sellato se munito di sella e briglie
  • Spaventato quando è impennato e si drizza sulle reni
  • Unghiato se ha gli zoccoli di smalto diverso

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ G. di Crollalanza, Enciclopedia araldico-cavalleresca pag. 19, Pisa, 1887.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

araldica Portale Araldica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di araldica