Cattedrale di Sant'Antioco di Bisarcio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 40°38′40″N 8°53′33″E / 40.644444°N 8.8925°E40.644444; 8.8925

Cattedrale di Sant'Antioco di Bisarcio
Cattedrale di Sant'Antioco di Bisarcio
Stato Italia Italia
Regione Sardegna
Località Ozieri
Religione Cattolicesimo
Diocesi Diocesi di Ozieri
Consacrazione 1174
Stile architettonico Romanico

La basilica di Sant'Antioco, ex cattedrale di Bisarcio, è una delle più grandi chiese romaniche della Sardegna. L'edificio monumentale si trova isolato su un'altura di origine vulcanica in un sito campestre non lontano da Chilivani, nel territorio del comune di Ozieri.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi di Bisarchium o Guisarchum nel Giudicato di Torres, Curatoria di Nughedu, è documentata dal 1065 al 1503, quando venne inglobata nella diocesi di Alghero.

La prima cattedrale fu costruita nella seconda metà dell'XI secolo e successivamente danneggiata da un incendio, tanto che un documento del 1139 menziona un Ardarensis episcopus, in quanto il vescovo di Bisarcio risiedette nel vicino centro di Ardara sino alla riparazione della cattedrale e dell'episcopio di Bisarchium. Entro il 1174, con la consacrazione del portico a due piani addossato alla facciata, si conclusero i lavori di riedificazione della cattedrale.

Attualmente del centro abitato, uno dei più grandi e popolati della zona, così come del convento, rimangono solo pochi resti.

Ci sono pervenute alcune schede di un Condaghe di Bisarcio, di dubbia origine.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Veduta della torre e dell'abside.

Il monumento è raggiungibile percorrendo la statale 597, a metà strada tra Ardara e Tula. Il sito campestre in cui sorge la chiesa risulta molto isolato e ciò, unito alla bellezza dell'edificio, conferisce particolare fascino al luogo.

Sul piano artistico e architettonico la cattedrale di Bisarcio si presenta come il connubio dell'opera delle varie maestranze che vi lavorarono; infatti vi si trovano elementi riferibili al romanico pisano, al romanico lombardo e maestranze francesi di origine borgognona introdotte in Sardegna dai cistercensi.

Il portico addossato alla facciata, ispirato a modelli francesi, si sviluppa su due piani; nel piano inferiore, ricco di decori scultorei, si aprono tre archi a tutto sesto, i due laterali inglobanti una bifora (murata quella di sinistra, quella di destra invece è ornata, alla base della colonnina, da un leone stiloforo molto consunto), mentre dall'arco centrale si accede al nartece, che si sviluppa in sei campate voltate a crociera e sostenute da pilastri cruciformi. Alla parete destra del nartece si trova una ripida scala, che conduce al piano superiore dove si trovano tre ambienti, di cui quello centrale, dotato di altare, fungeva da cappella privata del vescovo di Bisarcio. Dietro l'altare si trova una bifora che si apre verso l'interno della cattedrale; ai lati della bifora si notano due losanghe decorative, presenti anche nel muro esterno dell'abside, tipiche del romanico pisano. L'ambiente a destra ospita un caratteristico caminetto a forma di mitria.

Dal nartece si accede all'interno della chiesa, a tre navate divise da colonne e con abside semicircolare orientata. La navata centrale ha copertura a capriate lignee, mentre le navate laterali sono suddivise in campate voltate a crociera. La luce soffusa che mantiene in penombra l'interno della cattedrale entra tramite le alte e strette monofore, sei disposte su ciascun lato più quella aperta nell'abside e due all'estremità delle navate laterali.

La chiesa è affiancata sul lato sud da una torre campanaria, attualmente mozza in seguito a un crollo avvenuto in epoca imprecisata. La torre, a canna quadra, e ornata da lesene e archetti pensili, che scandiscono anche i fianchi e il prospetto absidale della chiesa.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Roberto Coroneo, Salvatore Naitza; Donatello Tore, Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300, Nuoro, Ilisso, 1993, ISBN 88-85098-24-X.
  • Raffaello Delogu, L'architettura del Medioevo in Sardegna, Roma, La Libreria dello Stato, 1953, ISBN non esistente.
  • Francesco Amadu, Giuseppe Meloni, La Diocesi medioevale di Bisarcio, Sassari, Carlo Delfino editore, 2003, ISBN 88-7138-296-X.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]