Cattedrale di Meaux

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cattedrale di Santo Stefano
Cathédrale Saint-Étienne
Facciata
Facciata
Stato Francia Francia
Regione Flag of Île-de-France.svg Île-de-France
Località Blason ville fr Meaux (Seine-et-Marne).svg Meaux
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Diocesi Diocesi di Meaux
Stile architettonico gotico
Inizio costruzione 1175-1180
Completamento XIV secolo
Sito web Sito ufficiale
Logo monument historique - rouge ombré, encadré.svg

La cattedrale di Santo Stefano (in francese: Cathédrale Saint-Étienne de Meaux) è il principale luogo di culto cattolica di Meaux, nel dipartimento di Seine-et-Marne ad oriente di Parigi. La chiesa, sede del vescovo di Meaux, è monumento storico di Francia dal 1840.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima edificazione ebbe inizio nel 1175 - 1180 in stile romanico. Alcuni difetti di progettazione coinvolsero l'architetto Gautier de Vainfroy e vennero corretti nel XIII secolo. Si dovette demolire, quasi completamente, la vecchia struttura e ricostruire un nuovo edificio questa volta in stile gotico.[1] Verso la fine del XIII secolo i lavori dovettero però essere interrotti per mancanza di fondi, un problema che venne risolto grazie alla generosità di Carlo IV agli inizi del XIV secolo. Ma i lavori vennero interrotti dalla guerra dei cent'anni e dall'occupazione inglese. Gli archivi della diocesi vennero distrutti nel 1793 – 1794, cancellando così molte notizie sulla storia della cattedrale.

Il compositore Pierre Moulu lavorò nella cattedrale agli inizi del XVI secolo.

Gli stili architettonici presenti nella struttura della cattedrale, a causa del periodo in cui venne costruita, comprendono diverse tipologie di arte gotica. La cattedrale è alta 48 metri e all'interno, le volte sopra il coro sono alte 33 metri. La decorazione interna è nota per la sua semplicità, e lo spazio interno per la sua luminosità complessiva. La cattedrale contiene un famoso organo, costruito nel XVII secolo.

Nel 1912 è stata insignita del titolo di Basilica minore[2].

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ St. Etienne Cathedral, Meaux, Wondermondo.
  2. ^ (DE) Sito GCatholic.org

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Robert Laffont, Dictionnaire des églises de France, Belgique, Luxembourg, Suisse (Tome IV-D). pp. 104–106, Paris.
  • Yves Esquieu, Quartier cathédral. Rempart / Desclée de Brouwer: Paris, 1994, ISBN 2-904365-23-0

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Coordinate: 48°57′36″N 2°52′44″E / 48.96°N 2.878889°E48.96; 2.878889