Cattedrale di Kazan' (Mosca)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 55°45′19.73″N 37°37′09.16″E / 55.755481°N 37.619211°E55.755481; 37.619211

Curly Brackets.svg
La cattedrale di Kazan' dopo la ricostruzione del 1993.

La cattedrale di Kazan' (in russo: Казанский собор?) è una chiesa russa ortodossa situata all'angolo nordorientale della Piazza Rossa di Mosca. L'attuale edificio è una ricostruzione della chiesa originale, demolita nel 1936 per ordine dell'allora segretario generale del PCUS, Stalin.

La cattedrale originaria[modifica | modifica sorgente]

La chiesa originaria venne eretta come santuario durante gli anni Trenta del Seicento per commemorare la liberazione della città dagli aggressori polacchi per mano dei volontari del popolo russo, alla fine del periodo dei Torbidi. Quando aveva liberato Mosca dai Polacchi, nel 1215, il principe Dmitrij Michajlovič Požarskij aveva attribuito il proprio successo all'aiuto divino fornitogli dall'icona della Madonna di Kazan', alla quale spesso aveva rivolto le proprie orazioni. Tramite i propri fondi privati, il principe finanziò la costruzione di una chiesa di legno dedicata alla Vergine di Kazan' sulla Piazza Rossa di Mosca.

Dopo che il primo santuario in legno venne distrutto da un incendio nel 1632, lo Zar ordinò la ricostruzione dello stesso in laterizio. L'edificio, ad una cupola, presenta numerose file di Kokošnik - elementi architettonici tipici dell'architettura russa - una spaziosa galleria e un campanile con tetto spiovente; fu consacrato nel 1636. La sua storia fu sempre tempestosa,e fu teatro dell'azione dell'arciprete Avvakum, capo della fazione dei religiosi dissenzienti, detti anche Vecchi credenti.

Dopo numerosi rinnovamenti della cattedrale effettuati durante il periodo imperiale, il disegno originale si perse dietro alle successive superfetazioni. Il celebre restauratore russo Pëtr Baranovskij guidò la completa ricostruzione degli esterni della chiesa, secondo il disegno originale, durante gli anni 1929-1932. Alcuni esperti, comunque, criticarono già all'epoca l'accuratezza del lavoro svolto.

Nel 1936, quando la Piazza Rossa doveva essere preparata ad accogliere le parate dell'Armata Rossa, Stalin ordinò che la piazza fosse ripulita dalle chiese. Sebbene alcuni tentativi vennero perpetrati da Baranovskij per salvarla, questi non riuscì ad evitare la demolizione della chiesa. Tuttavia, lo stesso ottenne il mantenimento di un'altra delle chiese della piazza, la Cattedrale di San Basilio.

La ricostruzione[modifica | modifica sorgente]

Dopo la dissoluzione dell'Unione Sovietica, la Cattedrale di Kazan' fu la prima chiesa ad essere completamente ricostruita dopo la demolizione operata in epoca socialista. Il ripristino della Cattedrale (1990–1993) si è basato su misure dettagliate e fotografie dell'originale scattate da Pëtr Baranovskij subito prima dell'abbattimento del 1936.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]