Cattedrale di Troyes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo
Cathédrale Saint-Pierre-et-Saint-Paul de Troyes
Cattedrale di Troyes
Stato Francia Francia
Regione Champagne-Ardenne
Località Troyes
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Titolare Pietro apostolo e Paolo di Tarso
Diocesi Diocesi di Troyes
Stile architettonico Gotico
Inizio costruzione XIII secolo
Completamento XVII secolo

La cattedrale dei Santi Pietro e Paolo (in francese: Cathédrale Saint-Pierre-et-Saint-Paul de Troyes) è la cattedrale della città di Troyes.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Un oratorio del IV secolo d.C., sorgeva sul luogo in cui oggi è stata costruita la Cattedrale. Una prima cattedrale è stata distrutta dall'invasione dei Normanni. L'odierno edificio religioso è stato voluto dal vescovo Garnier de Traînel, intorno al 1200 e iniziato dal suo successore nel 1208. Nella Cattedrale,si trova la testa di Bernardo di Chiaravalle.

Dati tecnici[modifica | modifica wikitesto]

La cattedrale è lunga 114 m, mentre la larghezza della facciata occidentale è di 45 m Al suo interno, la superficie delle vetrate è di 1500 m, mentre i rosoni hanno un diametro di 10 m.[1]

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ en.structurae.de

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Balcon, Sylvie. Troyes. La Cathédrale Saint-Pierre-et-Saint-Paul, Parigi, Monum. Editions du Patrimoine, 2001. ISBN 2-85822-615-6.
  • (FR) Collombet, François. Les plus belles Cathédrales de France, Sélection du Readers Digest, pp. 164–165, Parigi, 1997. ISBN 2-7098-0888-9.
  • (FR) Erlande-Brandenburg, Alain. Histoire de l'architettura française (Tomo 1), Parigi, Editions du Patrimoine, Menges, 1995. ISBN 2-85620-367-1.
  • (FR) Kimpel, Dieter. L'architettura gothique en France 1130-1270, pp. 347, Parigi, Flammarion, 1990. ISBN 2-08-010970-7.
  • (FR) Meunier, Florian. Martin Chambiges, un architecte parisien au service du chapitre cathédral de Troyes au début du XVIe siècle, in Du chantier au projet, pp. 109–116.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]